Ricerca: Nuova capacità di manifestazione delle droghe di restringere rapido i tumori del melanoma

Il melanoma è il modulo più micidiale del cancro di interfaccia, mortale ogni anno più di 8.000 negli Stati Uniti. Circa 40 per cento dei tumori avanzati del melanoma sono guidati per svilupparsi dalla presenza di mutazioni in un gene conosciuto come il gene di BRAF. E sebbene le nuove droghe chiamate inibitori di BRAF abbiano indicato una capacità di restringere rapido i tumori del melanoma, i tumori BRAF-mutati resistono spesso al trattamento iniziale e soltanto parzialmente rispondono agli inibitori di BRAF, che lascia le cellule tumorali che possono finalmente svilupparsi nei nuovi tumori.

Oggi, due studi dai ricercatori dal centro completo del Cancro del Jonsson del UCLA sono stati pubblicati online nella scoperta del Cancro del giornale che forniscono le comprensioni critiche in due modi importanti che i tumori resistono agli inibitori di BRAF. I ricercatori hanno trovato le vie chiave di cella-segnalazione usate dal melanoma del BRAF-mutante per imparare come diventare resistenti alle droghe dell'inibitore e come il fuoco limitato degli inibitori di BRAF permette che le celle del melanoma si evolvano e diventino resistenti alla droga. Gli studi compariranno più successivamente nell'edizione della stampa del giornale.

Piombo dal Dott. Roger Lo, un membro del centro del Cancro di Jonsson e professore associato e Direttore della clinica del melanoma in dermatologia, gli studi hanno utilizzato i campioni della biopsia dei pazienti per fornire a ricercatori le informazioni potenti che possono essere tradotte direttamente in clinica. Specificamente, i risultati dovrebbero aiutare gli oncologi a fare il migliore uso delle droghe dell'inibitore di BRAF congiuntamente ad altre droghe per i pazienti del melanoma.

Nel primi studio, Lo e colleghi scoperti come le celle del tumore hanno sfuggito agli effetti degli inibitori di BRAF tenendo la carreggiata la conseguenza delle celle del melanoma che avevano imparato dalle vie differenti di cella-segnalazione come trasformarsi in in BRAF inibitore-resistenti. Questo lavoro, in base ad un'analisi di 100 biopsie dai pazienti che erano stati curati con gli inibitori di BRAF, rivelatrice che i tumori inibitore-resistenti di BRAF usano varia segnalazione differente instrada per imparare la resistenza e che la gente può avere più di un itinerario della resistenza. I test clinici hanno studiato raramente questi fenomeni al livello molecolare, che Lo ha detto fornisce una visualizzazione molto più robusta del disgaggio e la portata del problema.

La comprensione dei meccanismi della resistenza del tumore potrebbe aiutare medici ad identificare la combinazione ottimale di droghe dell'inibitore per bloccare gli itinerari multipli della resistenza, in grado di finalmente restringere i tumori per un periodo molto più lungo, o li sradica completamente.

“Aiutandoci capisca le vie della resistenza di memoria ed eterogeneità del tumore, forma fisica e reticoli mutational che emergono nell'ambito della selezione della droga, disposizioni di questo studio le fondamenta affinchè test clinici studino i meccanismi della progressione del tumore nei pazienti del melanoma del BRAF-mutante,„ Lo ha detto.

Il secondo studio, anche piombo da Lo, trovato che non appena gli inibitori della fronte di taglio BRAF dei melanomi essi possono accendere rapidamente la resistenza adattabile presto chiamata trattamento di vie-un di farmacoresistenza. Col passare del tempo, queste vie adattabili iniziali della resistenza più ulteriormente sono fortificate, permettendo che le celle del tumore si liberino dell'inibitore di BRAF e riattivino la crescita. Di conseguenza, presto ed i trattamenti recenti della resistenza sono collegati e possono piombo alla ricorrenza ed alla morte del cancro, sebbene i mezzi o i meccanismi possano essere differenti. La scoperta delle vie di fuga del melanoma di memoria è un avanzamento concettuale importante quando combatte la resistenza dell'inibitore di BRAF, perché i trattamenti possono poi essere destinati per bloccare tutto d'un tratto queste vie quando il trattamento è iniziato.

“Ora abbiamo una visualizzazione del paesaggio di come il melanoma in primo luogo adatta e poi trova i modi sormontare che cosa è inizialmente un trattamento molto efficace,„ ha detto il Dott. Antoni Ribas, un membro del centro del Cancro di Jonsson, professore di medicina e co-ricercatore su entrambi gli studi. “Già abbiamo compreso questa conoscenza nel verificare i nuovi trattamenti di combinazione che speriamo ci otterremo indietro davanti al melanoma e non permetteremo che sfuggano all'efficacia iniziale del trattamento e ritornino.„

Entrambi gli studi erano collaborazioni internazionali, facenti partecipare gli scienziati dalla Vanderbilt University a Nashville, Tenn.; l'istituto del melanoma dell'Australia a Sydney; e l'istituto di Ludwig per ricerca sul cancro a Bruxelles.

Gli studi evidenziano l'eccellenza dell'oncologia di traduzione che è condotta dagli medico-scienziati del UCLA, che stanno lavorando per assicurarsi che le scoperte del laboratorio raggiungano i malati di cancro il più rapidamente possibile.