Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo Studio esamina la correlazione fra gli acidi grassi poli-insaturi nel sangue ed il rischio di PTSD

Uno studio pubblicato nella questione attuale di Psicoterapia e di Psychosomatics ha esaminato la correlazione fra gli acidi grassi poli-insaturi nel sangue ed il rischio di disordine post - traumatico di sforzo.

Gli studi Recenti che riferiscono l'effetto potenziale degli acidi grassi poli-insaturi (PUFAs) sul neurogenesis suggeriscono che la promozione del neurogenesis potrebbe essere un intervento di promessa per impedire il disordine post - traumatico di sforzo (PTSD). Più specificamente, l'acido docosaexanoico (DHA) e l'acido arachidonico (AA) sono stati indicati per promuovere il neurogenesis hippocampal. Nello studio presente, esaminare l'ipotesi che il completamento di omega-3 PUFA è associato con un rischio diminuito per PTSD, abbiamo condotto un'analisi intercalata di caso-control della composizione di in acidi grassi del siero 300 dall'antideprimente-naïve, pazienti severamente feriti che erano partecipanti al Gruppo di Tachikawa dello Studio di Incidente Automobilistico. Un campione totale di 106 pazienti ha terminato lo studio. I Mezzi (espressi come acidi grassi totali delle percentuali) per ogni picco dell'AA, di EPA e di DHA sono stati calcolati per entrambi i gruppi. Mentre l'età ed il sesso sono stati presupposti per essere associati con abitudine dietetica, abbiamo esaminato l'associazione fra l'età, il sesso ed i livelli del siero di AA, di EPA e di DHA secondo la prova della t dello Studente o la correlazione di Pearson. Per stimare il rischio per PTSD secondo il livello del siero di PUFAs, abbiamo categorizzato ogni partecipante secondo i tertiles determinati a partire dalla distribuzione dei livelli dell'acido grasso nel gruppo di controllo. Poi abbiamo eseguito l'analisi di regressione logistica per calcolare i rapporti di probabilità (ORs) e gli intervalli di confidenza di 95%. I modelli A Più Variabili erano in sequenza regolato per l'età, sesso, frequenza dell'alcool che bevono, fumare (fumatore corrente o non) e livello di istruzione.

A 6 mesi del post-motore di incidente del veicolo, 15 partecipanti hanno risposto ai criteri per PTSD [DEVIAZIONE STANDARD del ± di età media, ± completo o parziale corrente 46,7 16,1 anni; donne, 8 (53,3%)] e 222 non hanno avuti PTSD [DEVIAZIONE STANDARD del ± di età media, ± 36,3 14,9 anni; donne, 43 (19,4%)]. C'era differenze di età e sesso significativi fra i due gruppi. I livelli elevati di DHA e di EPA erano significativamente in donne che negli uomini, ma non c'era differenza significativa nel livello di AA fra i sessi. Una correlazione significativa è stata trovata fra l'età ed ogni livello di PUFA. Non c'era associazione significativa fra i livelli di AA, di EPA e di DHA. I livelli di EPA e di AA sono stati collegati significativamente inversamente con il rischio per PTSD. In paragone ai partecipanti con i livelli di EPA e di AA nel tertile più basso, il rischio per PTSD era significativamente più basso fra quelli con i livelli nei tertiles medi e più alti. Abbiamo trovato che i livelli del siero del riferimento di AA e di EPA sono stati associati inversamente con il rischio successivo per sviluppare PTSD dopo la lesione accidentale. L'associazione era lineare, con le tendenze inverse statisticamente significative attraverso i tertiles dei livelli di EPA e di AA.

Sorgente: Giornale di Psicoterapia e di Psychosomatics