Il composto sperimentale diminuisce l'infiammazione unita nei modelli animali dell'artrite reumatoide

Un composto sperimentale sintetizzato e sviluppato dagli scienziati dalla città universitaria di Florida del The Scripps Research Institute (TSRI) ha la capacità di diminuire significativamente l'infiammazione unita nei modelli animali dell'artrite reumatoide, una malattia autoimmune che pregiudica più di due milione Americani.

Lo studio è stato pubblicato recentemente online davanti alla stampa dall'artrite & dal reaumatismo del giornale.

Lo studio ha mostrato il composto, conosciuto come SR2211, lo sviluppo bloccato di virtualmente tutti i sintomi dell'artrite reumatoide in mouse entro i primi otto - dieci giorni del trattamento. I mouse erosione significativamente diminuita anche indicata della cartilagine e dell'osso hanno confrontato agli animali che non hanno ricevuto il trattamento.

Gli obiettivi composti sperimentali il ricevitore nucleare RORγ, un regolatore chiave delle celle TH17, uno di una famiglia dei globuli bianchi che svolgono un ruolo nel sistema immunitario. Identificato soltanto una decade fa, le celle TH17 sono state implicate nelle numerose malattie autoimmuni, compreso la sclerosi a placche, l'artrite reumatoide, la malattia di viscere infiammatoria ed il lupus.

“Questo composto ed i sui precursori, ci hanno mostrati la capacità di bloccare la versione dei mediatori infiammatori specifici dalle celle Th17 nella cultura, in modo da erano sicuri che SR2211 avrebbe dimostrato la buona efficacia nei modelli del roditore della malattia autoimmune,„ hanno detto il biochimico Patrick R. Griffin, presidenza del dipartimento di TSRI di terapeutica molecolare. “Il nostro più nuovo studio supporta forte l'idea che mirando al ricevitore di RORγ, possiamo dal punto di vista terapeutico reprimere l'infiammazione e la distruzione della giunzione connesse con l'artrite reumatoide.„

Mentre parecchi trattamenti sono attualmente disponibili per l'artrite reumatoide, il grifone ha notato il loro uso è associato con il rischio aumentato di infezioni e di polmonite. Poiché devono essere catturate per iniezione, sono ottimizzate per lungamente, atto immunosopressivo continuo, che è uno svantaggio nell'occuparsi delle infezioni opportunistiche. Un farmaco orale ha potuto essere catturato giornalmente ed essere fermato immediatamente per permettere che la droga lasci l'organismo nel caso di un'infezione potenzialmente pericolosa.

“Questo studio con SR2211 mostra quello che reprime l'attività di RORγ del ricevitore degli impianti da solo per diminuire l'erosione e l'infiammazione unite,„ Griffin ha detto. “È un meccanismo alternativo di atto che può fornire a medici le opzioni supplementari del trattamento per i pazienti che non reagiscono bene o non possono tollerare le terapie correnti.„

“Abbiamo voluto sviluppare un composto con il potenziale di contribuire a curare i pazienti che soffrono da un intervallo delle malattie autoimmuni, compreso l'artrite reumatoide,„ ha detto il Ra Chang di MI dello scienziato del personale, il primo autore dello studio e un membro del laboratorio del grifone. “I composti quale SR2211 funzionano direttamente e specificamente almeno su due tipi delle cellule immuni direttamente in questione nella patogenesi della malattia autoimmune.„

Source:

The Scripps Research Institute