Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori identificano il nuovo metodo per predire i risultati nei pazienti dell'infarto

I ricercatori hanno trovato un approccio novello per predire i risultati nei pazienti dell'infarto dal metabolismo energetico alterato la rappresentazione in un cuore malato

I ricercatori alle scienze della scuola di medicina e di salubrità dell'università di George Washington (SMHS) ed alla scuola di medicina di Johns Hopkins University hanno identificato un nuovo metodo per determinare se il cuore di un paziente verrà a mancare, che in futuro può aiutare meglio i medici a curare i pazienti ed adattare gli interventi terapeutici. Il loro approccio novello può contribuire a predire quali pazienti con infarto faranno bene e quali pazienti non non. L'infarto pregiudica cinque milione persone negli Stati Uniti ed è stimato per costare $32 miliardo all'anno, secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

“Mentre i vari metodi usati corrente sono usati per la previsione, nessuno di questi metodi sono riflettenti del meccanismo di fondo nel cuore debole. Ancora, alcune di queste misure non sono molto coerenti nella loro attendibilità previsionale. C'è un'esigenza di più nuovi metodi in grado di potenzialmente essere più specifici e riproducibili,„ ha detto Gurusher Panjrath, M.D., assistente universitario di medicina e Direttore dell'infarto ed il programma di sostegno meccanico a SMHS ed autore del co-cavo dello studio pubblicato nella medicina di traduzione di scienza. “Mirando al metabolismo energetico alterato, può anche essere possibile in futuro sviluppare ed adeguare alle terapie questo nuovo obiettivo.„

Panjrath ed i suoi colleghi hanno misurato il metabolismo energetico in 58 pazienti dell'infarto con cardiomiopatia non ischemica, o infarto non dovuto le arterie bloccate, facendo uso della spettroscopia a risonanza magnetica (MRS). Poi hanno seguito questi pazienti per una mediana di 4,7 anni, registrante tutte le ospedalizzazioni, il trapianto cardiaco, il collocamento di un'unità di aiuto ventricolare e la morte da tutti cause. Hanno esaminato l'adenosintrifosfato (ATP), una fonte di energia per le celle di muscolo del cuore e una riserva di energia chiamata chinasi della creatina (CK), un enzima che interagisce con il trifosfato di adenosina per tenere l'approvvigionamento di energia costante in un cuore battente. Gli autori hanno misurato la tariffa della sintesi del trifosfato di adenosina attraverso le CK, chiamata cambiamento continuo delle CK, facendo uso di sig.ra. I ricercatori hanno trovato che le misure di cambiamento continuo delle CK erano significativamente più basse nei pazienti dell'infarto di cui la circostanza aveva peggiorato.

Questo nuovo metodo di metabolismo energetico di prova nel cuore rivelato essere un preannunciatore significativo dei risultati clinici, indipendente dai sintomi di un paziente, corsa, o resistenza del cuore. Mentre i ricercatori sottolineano che i più grandi studi sarebbero necessari convalidare questi risultati, il metodo metabolico della rappresentazione potrebbe essere utilizzato congiuntamente ad altri parametri clinici nell'invenzione della previsione più completa degli eventi di infarto e la morte, aiutante cura i migliori corsi del trattamento di pianificazione per i loro pazienti.