Progetto di ricerca europeo per sviluppare i nuovi dispositivi diagnostici rapidi

Piombo tramite la R & S Alliance IK4 del basco, le 13 organizzazioni in 8 paesi differenti stanno conducendo la ricerca per tre anni nel quadro del progetto europeo LabOnFoil per sviluppare i nuovi dispositivi diagnostici rapidi.

Una toppa per la rilevazione del consumo della cocaina dalla traspirazione dell'interfaccia, da un chip per identificare gli agenti patogeni in alimenti, da un'unità per il video del tumore del colon via il sangue di un paziente e da un sensore per individuare contaminazione dell'ambiente via l'analisi delle alghe marine. Tutte e quattro le applicazioni hanno qualche cosa di in comune: tutte sono risultato dallo stesso progetto di ricerca europeo, intitolato LabOnFoil. Questa iniziativa, che ha cessato recentemente, è stata installata per sviluppare i dispositivi diagnostici rapidi ed a basso costo che potrebbero adattarsi alle situazioni differenti e, in breve, avanzamenti della società di offerta ai nuovi per migliorare la qualità di vita.

La collaborazione fra le 13 entità da otto paesi europei che hanno partecipato al progetto ha portato i suoi frutti sotto forma di quattro applicazioni suddette, che hanno generato le nuove occasioni d'affari nei settori con l'alto valore aggiunto. Come sottolineato dal coordinatore di progetto, Jesús M. Ruano-López, “l'uso efficiente del consorzio delle risorse e la gestione della merce in generale hanno permesso a LabOnFoil di avere un impatto economico significativo„.

Nessuna meraviglia alcune delle applicazioni ora sta sfruttanda commercialmente dai partner differenti del consorzio. Il POC spagnolo Microsolutions della società, per esempio, sta industrializzando uno dei prototipi per il lancio sul servizio nel 2015. Per parte sua, la società irlandese Biosensia sta lanciando le toppe sul servizio per individuare la presenza di droghe, mentre DTU Nanotech (Danimarca) sta aprendo una nuova linea di affare basata su uno di questi sviluppi.

Il progetto LabOnFoil, che ha cominciato nel 2008 ed ha cessato nel febbraio 2013, ha avuto un bilancio di 7,1 milione euro ed è stato cofinanziato dal programma quadro dell'europeo VII (UE).

Ruano-López ha spiegato che “lo scopo per tutti i partner di progetto LabOnFoil era nientemeno che lo sviluppo delle unità con un sociale positivo e un impatto economico. I risultati sono stati grazie raggiunti alla nostra determinazione per sviluppare le unità compatte e affidabili con il valore aggiunto confrontato ai concorrenti attuali, cioè, che potrebbero essere sfruttati commercialmente„.

“Il lavoro di squadra ci ha permesso di combinare le specializzazioni differenti dei membri del consorzio, quale la microtecnologia, biologia molecolare, materiali ed elettronica, per sviluppare molto di più il compatto, economico e più facile usare i sistemi diagnostici che esiste attualmente. Quale infine permette le droghe, le malattie, la contaminazione, ecc. da identificare negli scenari molto differenti, con un impatto commerciale molto significativo„, Ruano-López specificato.

Le applicazioni

La toppa di rilevazione dell'interfaccia della cocaina può individuare le droghe in traspirazione umana, che campiona dopo essere stato fissato al braccio. Ciò permette di analizzare il consumo della cocaina in tempo reale su un periodo a partire da 24 ore ai dieci giorni (fino a rigenerare le cellule epiteliali), rendentegi un efficace strumento per il video i driver e dei trasportatori professionali. Consideri che il consumo della droga è stimato per essere collegato con intorno 25% degli incidenti mortali Europa, U.S.A. ed in Australia.

Il chip utilizzato per l'identificazione degli agenti patogeni in alimenti mette a fuoco sulla rilevazione dei batteri differenti, quali il campilobatterio e la salmonella. Non per niente, il campylobacteriosis e il salmonelosis sono le infezioni batteriche più comuni in Europa e sono fra le cinque infezioni più comuni sul continente. Questa applicazione ha potuto essere usata per individuare gli agenti patogeni alle aziende agricole o alle tenute del bestiame, macelli ed in alimento.

L'unità per il video del tumore del colon via il sangue di un paziente può essere utilizzata per il video dei pazienti con questa malattia, la seconda causa comune della morte nell'ovest. L'unità offre l'opzione per riflettere la progressione di malattia facendo uso appena di alcune gocce di sangue e fornisce i risultati quasi istantanei.

L'unità per l'esame dei pazienti con l'annullamento colorettale effettuerà col passare del tempo come minimo il video dilagante del loro stato, così evitando le prove che comprendono la colonoscopia. Come Garbiñe Olabarria, la testa della ricerca a GAIKER-IK4, ha precisato, “lo sviluppo di questa applicazione significa che sarà possibile analizzare l'evoluzione della malattia con appena un piccolo campione di sangue che è ottenuto all'ambulatorio del medico e che fornirà il risultato in di meno che un'ora„.

Infine, l'unità di contaminazione dell'acqua analizza la concentrazione del fitoplancton in un campione dell'acqua di mare. Un'eccessiva concentrazione di tali alghe microscopiche può segnalare le conseguenze negative per l'ambiente, mentre può essere tossica agli esseri umani, per esempio. Che cosa è più, i livelli del fitoplancton sono un indicatore per riscaldamento globale, poichè tali organismi assimilano la CO2 presente nell'atmosfera con il trattamento della fotosintesi, responsabile dell'effetto serra.

Il consorzio

Il consorzio di progetto LabOnFoil, piombo dal centro di tecnologia spagnolo di IK4-IKERLAN, comprende la partecipazione delle società, degli istituti scolastici e dei centri di tecnologia. In particolare, LabOnFoil è compreso i seguenti membri: Gaiker-IK4, BIOEF (ospedale) di Cruces (Spagna); Università di Southampton, consiglio della ricerca dell'ambiente naturale (Regno Unito); L'istituto di Fraunhofer, micro resiste alla tecnologia Gmbh (la Germania); Veterinario di DTU, DTU Nanotech (Danimarca); Biosensia (Irlanda); EVGroup (Austria); Politecnico di Wroclaw (Polonia) e TATAA Biocenter ab (Norvegia).

La tecnologia

Lo scopo dell'UE nell'installazione del progetto era di promuovere la conoscenza nel campo dei dispositivi diagnostici rapidi, che costituiscono un passo avanti molto significativo confrontato alle tecniche convenzionali a causa dei vantaggi inerenti al loro uso: queste sono unità basate laboratorio-su-un-chip che offrono gli insiemi della funzionalità del livello del laboratorio, ma integrato nelle unità a basso costo portatili. Quali liquidi di mezzi possono essere analizzati immediatamente e in situ, fornire sia le riduzioni dei costi che di tempo, evitanti dovere prelevare i campioni ad un laboratorio ed attendere i risultati.

Inoltre è egualmente notevole un altro avanzamento molto significativo fatto da questo progetto: piombo alla creazione dei sistemi diagnostici compatti che possono anche essere connessi a distanza ai computer, alle compresse ed agli smartphones. Con cui, i dati ottenuti da un'unità utilizzata per identificare un agente patogeno a, per esempio un'azienda avicola, possono essere ispezionati da un veterinario situato in un'altra parte del mondo.

Source:

Southampton University