Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Buon umore diminuisce gli effetti indotti da stress in musicisti

Anche i musicisti professionisti dell'orchestra soffrono dallo sforzo particolare il giorno del concerto e rilasciano più cortisol. Per la prima volta ora è stato possibile dimostrare che, tra l'altro, il myeloperoxidase degli enzimi, che è considerare come un fattore di rischio per la malattia cardiovascolare, fa una parte nella reazione di sforzo in musicisti. Questo effetto tuttavia è inumidito da un fattore emozionale: ciò è perché un buon umore diminuisce la versione indotta da stress del myeloperoxidase.

Ciò è il risultato di memoria di uno studio unito corrente effettuato dall'Istituto per Medicina Del Lavoro Al MedUni Vienna, il Biobank di MedUni Vienna (KILM) ed il Centro di Prevenzione e di Salubrità che appartiene allo schema di salubrità per gli impiegati della Città di Vienna. Qui la gente sta sperando per i nuovi approcci nella ricerca di sforzo. Nel Frattempo, al Concerto del Nuovo Anno nel tempo di alcuni giorni, il buoni umore ed alti alcoolici all'inizio del 2014 devono avere un effetto d'alleviamento.

Le reazioni di sforzo in 47 musicisti e nel conduttore dell'orchestra sinfonica radiofonica Austriaca, il ORF, sono state esaminate alla prova generale ed il seguente giorno, il giorno del primo ministro, al Musikverein di Vienna. La Saliva ed i campioni di sangue sono stati prelevati allo scopo di produrre un profilo del cortisol e misurare il myeloperoxidase, che svolge un ruolo principale nei trattamenti infiammatori - questi sono stati catturati prima e dopo ogni prestazione come pure durante gli intervalli della ripetizione e di concerto.

Più sforzo per il Direttore ed i primi violini
“Il risultato è netto,„ dice Alexander Pilger dall'Istituto del MedUni per Medicina Del Lavoro E da Robert Winker dal Centro della Salubrità e della Prevenzione del KFA. “Nella situazione acuta di sforzo il giorno del concerto che il myeloperoxidase aumenta altrettanto chiaro quanto fa la versione globale di cortisol.„ In questo tuttavia - come pure lo sforzo inerente causato comparendo davanti ad un pubblico - altri fattori egualmente svolgono un ruolo: “I musicisti nei primi violini e nel conduttore hanno avuti insieme ai livelli elevati medii del myeloperoxidase non solo alla prova generale ma anche nel concerto che tutti i altri musicisti.„

E migliore l'umore i musicisti fossero dentro secondo la loro propria valutazione di se stesso, più basso l'aumento in relazione con lo sforzo in myeloperoxidase. E vice versa, il peggiore il loro umore, più alta la myeloperoxidase-versione in confronto alla prova generale. Questa tendenza egualmente è stata osservata con cortisol, ma qui l'influenza del livello di eccitazione ha fatto la più parte importante.

“L'umore di bene generale non può essere spiegato “dal lavoro da sogno„ di essere un musicista orchestrale,„ qualifica Pilger. “Gli studi Più Iniziali hanno indicato che anche i musicisti soffrono dalla noia e dalla monotonia, comparabile con altro, meno occupazioni esposte. Ancora, lo sforzo sociale causato dalla gerarchia orchestrale è molto grande.

Così come i fattori biochimici ed emozionali, il fattore “di abilità generale del lavoro„ egualmente è stato esaminato anonimo facendo uso di cosiddetto Indice Analitico di Abilità del Lavoro della rete Tedesca di WAI con le domande sulla situazione a lavoro, a salubrità, alle malattie precedenti ed alla valutazione di se stesso di abilità del lavoro. Con il risultato, secondo Pilger quello: “L'abilità del Lavoro non ha svolto ruolo qualunque riguardo agli effetti indotti da stress osservati qui.„ Se e fino a che punto questi nuovi risultati sono egualmente trasferibili ad altre situazioni di sforzo nel mondo di lavoro dovrebbe essere nelle indagini successive guardate.

Sorgente: http://www.meduniwien.ac.at