Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio spiega come l'addestramento del cervello migliora la prestazione su un compito dato

Il reticolo rivelante dei cambiamenti individuati in cervello facendo uso di MRI come “ha preparato„ gli oggetti mostra l'autocontrollo migliore

Cerchi “addestramento del cervello„ sul Web. Troverete gli esercizi online, giochi, software, anche apps, interamente destinati per preparare il vostro cervello per fare meglio su qualsiasi numero di mansioni. Funzionano? L'università di psicologi dell'Oregon dice, sì, ma “c'è una cattura.„

La cattura, secondo Elliot T. Berkman, un professore nel dipartimento della psicologia e dell'autore principale su uno studio pubblicato nell'edizione del 1° gennaio del giornale della neuroscienza, è che prepararsi per un compito particolare intensifica la prestazione, ma che il vantaggio necessariamente non rinvia ad una nuova sfida.

L'addestramento organizzato nello studio ha causato uno spostamento dinamico nel controllo inibitorio. Tuttavia, non è chiaro se il miglioramento raggiunto estendere ad altri generi di funzione esecutiva quale la memoria di lavoro, perché il solo fuoco del gruppo era su controllo inibitorio, dicesse Berkman, che dirige il sociale dell'instituto di psicologia ed il laboratorio affettivo della neuroscienza.

“Con addestramento, l'attività di cervello è stato collegata alle indicazioni specifiche che lo hanno predetto quando il controllo inibitorio potrebbe essere necessario,„ hanno detto. “Questo risultato è importante perché spiega come l'addestramento del cervello migliora la prestazione su un compito dato -- ed anche perché la spinta della prestazione non generalizza oltre quel compito.„

Sessanta partecipanti (27 maschi, 33 femmine e variare da 18 a 30 anni) hanno partecipato ad uno studio trifase. Il cambiamento nella loro attività di cervello è stato riflesso con imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI).

La metà degli oggetti era nel gruppo sperimentale che è stato formato con un compito quel controllo inibitorio dei modelli -- un genere di autocontrollo -- come una corsa fra “va„ trattamento e un trattamento “di arresto„. Un trattamento più veloce di arresto indica il controllo inibitorio più efficiente.

in ciascuna di una serie di prove, i partecipanti sono stati dati “vanno„ segnale -- una freccia che indica a sinistra o destra. Gli oggetti hanno premuto un tasto che corrisponde alla direzione della freccia il più rapidamente possibile, lanciante il trattamento di andare. Tuttavia, su 25 per cento delle prove, un segnalatore acustico ha sondato dopo che la freccia è comparso, segnalando i partecipanti per trattenere la loro stampa del bottone, lanciante il trattamento di arresto.

I partecipanti hanno praticato il compito del arresto-segnale o un compito di controllo che non hanno pregiudicato il controllo inibitorio ogni altro giorno per tre settimane. La prestazione ha migliorato più nel gruppo di formazione che nel gruppo di controllo.

L'attività neurale è stata riflessa facendo uso di imaging a risonanza magnetica funzionale (fMRI), che cattura i cambiamenti nei livelli dell'ossigeno di sangue, durante il compito del arresto-segnale. Il lavoro di MRI è stato fatto nel centro del Robert e di Beverly Lewis del UO per Neuroimaging. Attività nella circonvoluzione frontale inferiore e nella corteccia anteriore del cingulate -- regioni del cervello che regolamentano il controllo inibitorio -- in diminuzione durante il controllo inibitorio ma aumentato immediatamente prima di nel gruppo di formazione più di nel gruppo di controllo.

I risultati del fMRI hanno identificato tre regioni del cervello degli oggetti preparati che hanno mostrato i cambiamenti durante il compito, spingente i ricercatori a teorizzare che il regolamento emozionale può essere migliorato diminuendo l'emergenza e la frustrazione durante le prove. In generale, la dimensione dell'effetto di addestramento è piccola. Una sfida per la ricerca futura, hanno concluso, dovranno identificare i protocolli che potrebbero generare i maggiori effetti positivi e durevoli.

“I ricercatori all'università di Oregon stanno utilizzando gli strumenti e tecnologie per fare nuovo indicatore luminoso sui meccanismi importanti di funzionamento conoscitivo quale il controllo esecutivo,„ ha detto che Kimberly Andrews Espy, vice presidente per la ricerca e l'innovazione e decano della scuola post-laurea del UO. “Questo studio rivelante su addestramento del cervello dal Dott. Berkman ed il suo gruppo avanza la nostra comprensione del controllo inibitorio e può piombo alla progettazione di migliori strumenti di prevenzione per promuovere la salute mentale.„