Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Spiegazione di ricerca dei pazienti di disordine di Umore per i sintomi

Da Eleonor McDermid, Reporter Senior dei medwireNews

Il fuoco primario di molti pazienti che assistono ad una consultazione psichiatrica per instabilità dell'umore è di ottenere una spiegazione per i loro sintomi, riferisce i ricercatori.

“Questa opinione è stata espressa indipendentemente dalla diagnosi che successiva hanno ricevuto,„ dica il Prezzo Jonathan del ricercatore (Università di Oxford, REGNO UNITO) ed il gruppo.

Tuttavia, realmente essendo dando una diagnosi ha avuto un effetto imprevedibile, con alcuni pazienti che osservano la diagnosi come componente della spiegazione hanno cercato, ma altri per quanto riguarda come reazione distante che non ha affrontato i loro problemi. Alcuni pazienti hanno reagito male a ricevere una diagnosi a causa del marchio di infamia percepito fissato a, per esempio, una diagnosi di disordine bipolare.

“I Clinici dovrebbero prestare maggior attenzione alle aspettative pazienti nel contesto della valutazione psichiatrica piuttosto che la diagnosi è il risultato primario che è cercato,„ del gruppo scrive nel Giornale Britannico della Psichiatria.

I ricercatori hanno intervistato 28 pazienti con instabilità dell'umore circa le loro esperienze, trovanti che le loro risposte sono rientrato in cinque categorie principali: volere una spiegazione e una guida per i loro sintomi; volere cura coerente e continua; difficoltà che comunicano con i loro clinici; volere ritenere implicato e informato; e volendo riconoscersi.

Le diagnosi ricevute Pazienti compreso II disordine bipolare (18%), disturbo borderline di personalità (11%) e la depressione/l'ansia (29%), ma un quarto non hanno ricevuto diagnosi costante. Alcuni di quelli dati un feltro di diagnosi alleviato perché le hanno aiutate per vedersi come indisposti e “quindi hanno fornito il sollievo dai comportamenti di esperienza di colpevolezza circa.„

Undici pazienti hanno acconsentito alle interviste di seguito 6 mesi più successivamente. La Continuità e la consistenza di cura erano una grande emissione fra questi pazienti, con una certa frustrazione d'espressione raramente a vedere lo stesso medico e quindi dovendo ripetere le informazioni, particolarmente dove questa ha compreso le esperienze di vita dolorosa o personale.

Ai Pazienti hanno riferito la difficoltà che comunicano esattamente i loro stati dell'umore ai clinici e richiamanti il dato valido una volta chiesti. Considerevolmente, i pazienti dati una diagnosi di disordine bipolare hanno detto che hanno cercato soltanto la guida durante i periodi depressivi, consultazioni così precedenti che hanno messo a fuoco solamente sui sintomi correnti hanno lasciato i loro episodi hypomanic non riconosciuti.

I pazienti egualmente hanno voluto sentirsi implicati durante le discussioni e informati circa il loro stato, piuttosto che appena essendo passando una diagnosi, ma spesso non hanno fatto. Inoltre, hanno cercato il riconoscimento, ma spesso hanno ritenuto allontanati. In questo caso, una diagnosi potrebbe anche essere percepita come distante, con questa “collegata ad una mancanza percepita di supporto, di informazioni e di spiegazione, che piombo i partecipanti mettere in discussione l'utilità della diagnosi.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.