Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il sistema visivo umano può conservare la plasticità anche dopo cecità estesa

La privazione della visione durante i periodi critici di sviluppo di infanzia lungamente è stata pensata per provocare la perdita irreversibile della visione. Ora, i ricercatori dallo Schepens Eye l'occhio dell'istituto di ricerca/Massachusetts e l'orecchio, la facoltà di medicina di Harvard (HMS) e Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno sfidato quella teoria studiando una popolazione unica dei pazienti pediatrici che erano ciechi durante questi periodi critici prima di rimozione delle cataratte bilaterali. I ricercatori hanno trovato il miglioramento dopo le prove della sensibilità di inizio di vista al contrario, che misurano la funzione visiva di base ed hanno sostegni neurali ben recepito. I loro risultati indicano che il sistema visivo umano può conservare la plasticità oltre i periodi critici, anche dopo cecità iniziale ed estesa. I loro risultati recentemente sono stati pubblicati negli atti dell'avanzamento nazionale della prima edizione di scienza (PNAS).

“Il nostro gruppo di ricerca sta studiando lo sviluppo della visione in bambini che erano ciechi dalla nascita a causa delle cataratte congenite. Stiamo misurando se e come la loro visione si sviluppa dopo che chirurgia nell'infanzia e nell'adolescenza recenti per eliminare le cataratte, che permette per la prima volta alla vista. I nostri risultati mostrano che la plasticità e la visione notevoli continua a migliorare lungamente in molti bambini dopo l'ambulatorio,„ ha detto l'autore Peter senior J. Bex, Ph.D., scienziato senior, occhio dell'istituto di ricerca dell'occhio di Schepens/Massachusetts ed orecchio e professore associato, dipartimento di HMS dell'oftalmologia.

Gli autori spiegano la ricerca: Il progetto Prakash è uno sforzo scientifico ed umanitario unito piombo da Pawan Sinha, Ph.D., professore ordinario al MIT. La parte umanitaria tende ai problemi di indirizzo di cecità trattabile in India fornendo agli ambulatori esente da costo ai bambini le cataratte. Nel mondo occidentale, i bambini sopportati con le cataratte sono curati tipicamente durante il primo anno di vita, ma i bambini con questo termine in India rurale vanno spesso non trattati perché le loro famiglie mancano delle risorse finanziarie necessarie. Il progetto egualmente mira a rispondere alle domande: possono i bambini che soffre da cecità congenita estesa sviluppa la visione dopo la chirurgia della cataratta ed in caso affermativo, come questo trattamento accade?

“Il periodo critico„ o “la finestra critica„ è un concetto tradizionale nel campo della neuroscienza che suggerisce che ci sia “plasticità,„ o potenziale di sviluppo, presto nella vita. Ma come ci sviluppiamo più vecchi - e nel caso della visione, passi l'età di 7 o di 8 - c'è sempre meno plasticità nel sistema visivo.

Il concetto del periodo critico interseca con cura clinica nei reticoli di pratica per i bambini con ambliopia: è stato pensato una volta che se non trattaste la ambliopia prima dell'età 8, quindi il ventaglio di opportunità per vista di risparmio è stato perso. Per questi pazienti, una giustificazione potenziale per l'eliminazione loro durante la loro adolescenza era che “saranno appena comunque ciechi.„ Tuttavia, questo una volta che il mantra accettato ha cominciato cambiare nei 10 anni ultimi con le nuove comprensioni in plasticità ed in impatto potenziale del cervello o nell'addestramento sensitivo dopo la chirurgia.

Il contributo dell'occhio e dell'orecchio di Schepens/Massachusetts per aggettare Prakash era ad una valutazione basata iPad della funzione della sensibilità di contrasto sviluppata nel laboratorio di Bex. È più preciso e più facile da applicarsi che le valutazioni precedenti della sensibilità di contrasto.

“Dato questa ricerca di esperienza e di sfondo, l'ipotesi più conservatrice per il nostro studio sarebbe stata che i bambini fra 8 e 18 non mostrerebbero cambiamenti nella visione a basso livello e nessun cambiamento nelle loro funzioni della sensibilità di contrasto, quando sono stati provati dopo la loro chirurgia della cataratta,„ ha detto il Dott. Bex. “Con la nostra prova (che richiede solitamente la strumentazione di laboratorio specializzata) e qualche analisi dei dati che ci siamo sviluppati, noi ha indicato che alcuni pazienti hanno sviluppato la visione sostanziale dopo 15 anni di cecità. Questo cambiamento visivo non ha potuto essere rappresentato dai fattori ottici semplici, l'uno o l'altro.„

Questa ricerca ha implicazioni importanti per i trattamenti potenziali delle cataratte congenite, oltre alle domande fondamentali dello sviluppo e la plasticità in neuroscienza, i ricercatori conclude.