Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I bambini recentemente diagnosticati con il morbo di Crohn possono trarre giovamento dalle droghe biologiche

I bambini recentemente diagnosticati con il morbo di Crohn possono trarre giovamento dal trattamento iniziale con le droghe biologiche conosciute come gli agenti anti--TNF-α, secondo un nuovo studio in gastroenterologia, la Gazzetta ufficiale dell'associazione gastroentereologica americana.

“Mentre l'uso delle droghe biologiche, quali infliximab o adalimumab, è generalmente riservato per i pazienti che hanno venuto a mancare la terapia precedente per il morbo di Crohn, piccolo è conosciuto circa i risultati che seguono l'uso più a breve termine,„ ha detto lo studio l'autore Jeffrey S. Hyams, MD, dal centro medico dei bambini di Connecticut, Hartford. “Questa nuova ricerca trova che, in bambini recentemente diagnosticati con il moderato al morbo di Crohn severo, la terapia anti--TNF-α iniziale è più efficace a raggiungere la remissione che il trattamento standard corrente.„

Facendo uso dei dati dalla stratificazione di RISCHIO studi, un programma di ricerca d'osservazione in corso e futuro corrente che comprende 28 centri pediatrici in America settentrionale, ricercatori della gastroenterologia ha paragonato l'efficacia (entro tre mesi dopo la diagnosi) del trattamento iniziale agli inibitori anti--TNF-α, rispetto al trattamento iniziale alle droghe immunomodulatory, nel raggiungimento della remissione clinica e nella facilitazione della crescita in bambini al morbo di Crohn. Il livello di cura corrente è corticosteroidi seguiti dall'introduzione in anticipo delle droghe immunomodulatory.

A di un anno, 85 per cento dei pazienti che ricevono la terapia anti--TNF-α iniziale da solo erano nella remissione clinica senza corticosteroide, una proporzione significativamente maggior che quelle trattate con gli immunomodulatori iniziali da solo (60 per cento) o nessun'immunoterapia iniziale (54 per cento). Più ulteriormente, a di un anno, nessun paziente nel gruppo anti--TNF-α in anticipo ha fatto un indice analitico di attività pediatrico del morbo di Crohn rispetto di più maggior di 30, a 7 per cento nel gruppo in anticipo di immunomodulatori ed a 10 per cento nel nessun gruppo in anticipo di immunoterapia. Soltanto nel gruppo anti--TNF in anticipo del α era la velocità normale della crescita stabilita.