Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori valutano la possibilità di usando le terapie di cellula staminale sugli infanti prematuri per trattare il BPD

Gli avanzamenti nella cura neonatale per gli infanti molto prematuri notevolmente hanno aumentato le possibilità di sopravvivenza per questi infanti fragili. Tuttavia, gli infanti prematuri hanno un rischio aumentato di sviluppare la displasia broncopolmonare (BPD), un'affezione polmonare seria, che è una causa della morte importante e le complicazioni per tutta la vita. In un nuovo studio previsto per la pubblicazione nel giornale della pediatria, i ricercatori hanno valutato la sicurezza e la possibilità di usando le terapie di cellula staminale sugli infanti molto prematuri per impedire o trattare il BPD.

La sosta presto estratta, il MD, il PhD ed i colleghi dal centro medico di Samsung e l'istituto di ricerca biomedico, Seoul, Repubblica Coreana, hanno condotto una fase I, prova del unico centro di trapianto endotracheale delle cellule staminali mesenchymal sangue-derivate cordone ombelicale umano a nove infanti molto prematuri (età gestazionale di settimane 24-26) che erano ad ad alto rischio di sviluppare il BPD.

Tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento hanno tollerato bene la procedura senza alcuni effetti contrari seri immediati. Trentatre per cento del moderato sviluppato infanti curato BPD e nessuno hanno sviluppato il BPD severo e 72 per cento di un gruppo abbinato di confronto hanno sviluppato il BPD moderato o severo. Un altro effetto secondario serio della nascita molto prematura, retinopatia della prematurità che richiede la chirurgia, ha teso ad accadere spesso di meno in infanti curati. In generale, tutti e nove le hanno curato gli infanti superstiti a per scaricare ed il moderato sviluppato soltanto tre BPD.

Questa fase che studio suggerisce che l'amministrazione endotracheale delle cellule staminali mesenchymal sia sicura e fattibile. Secondo Dott. Park, “questi risultati suggeriscono forte che i test clinici di fase II siano autorizzati per verificare l'efficacia di trapianto mesencymal della cellula staminale, in grado di piombo alle nuove terapie per impedire o fare maturare il BPD.„ Il Dott. Park e colleghi corrente sta intraprendendo una sicurezza e uno studio di approfondimento a lungo termine di questi nove infanti prematuri (ClinicalTrials.gov: NCT01632475).