Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: La tariffa della madre alla trasmissione del HIV del bambino è ad una diminuzione storica nel Regno Unito

La tariffa della madre alla trasmissione del HIV del bambino è ad una diminuzione storica nel Regno Unito, secondo un documento pubblicato oggi nell'AIDS del giornale.

Lo studio esaminato oltre 12 000 gravidanze in donne diagnosticate con il HIV prima o durante la gravidanza e consegnate nel 2000-2011; c'era nel 2010-2011 un calo quadruplo nella tariffa della madre alle trasmissioni del bambino, da 2,1% nel 2000-2001 a 0,46%.

Il Dott. Claire Townsend (istituto di UCL della salute dei bambini) ha detto: “La madre alla trasmissione del HIV del bambino ora è mai all'più a basso livello nel Regno Unito & in Irlanda e fino ai noi che è informata che tali bassi livelli non sono stati riferiti mai su una tal larga scala.„

La caduta continuata nei velociti di trasmissione è probabilmente dovuto una combinazione di fattori compreso l'inizio più iniziale della terapia prenatale del antiretroviral di combinazione (cART) e di un aumento nel numero delle donne già sul carretto quando concepiscono.

Queste nuove statistiche sono in conformità con lo scopo dell'organizzazione mondiale della sanità dell'eliminazione virtuale della madre alla trasmissione del bambino da ora al 2015. La caduta drammatica nel velocita di trasmissione nel Regno Unito può anche essere attribuita ad una comprensione molto alta della selezione prenatale del HIV, che è offerta a tutte le donne incinte e di un approccio pluridisciplinare alla gestione delle donne incinte HIV positive e dei loro bambini.

Lo studio ha trovato che c'era un profondo declino nel rapporto delle donne incinte HIV positive diagnosticate che non hanno ricevuto nel 2007-2011 carretto prenatale da 3,3% nel 2000-2006 a 1% e di un aumento nella durata del trattamento durante la gravidanza. Una durata più lunga del trattamento è stata associata significativamente con il rischio diminuito della trasmissione.

Lo studio egualmente ha evidenziato le estese diseguaglianze nella disponibilità degli interventi per impedire la madre alla trasmissione del HIV del bambino universalmente. Nel 99% BRITANNICO delle donne incinte HIV positive diagnosticate ricevi il carretto, mentre il UNAIDS stima che i simili regimi del trattamento nell'ovest ed in Africa centrale raggiungano soltanto 27%. Le statistiche all'interno di Europa egualmente mostrano un grande spazio nell'accesso alle cure con i velociti di trasmissione fino a 4-10 volte più su in alcune zone dell'Europa Orientale (0,46% trasmissioni nel Regno Unito, confrontate a 2-4% in Russia e a 4-5% in Ucraina), dove la prevalenza del HIV in donne incinte è più alta ed accede a alle droghe di antiretroviral limitate.

Il Dott. Townsend ha aggiunto: “Per mantenere e perfino migliorare sopra, questi velociti di trasmissione bassi è vitale che continuiamo a provare presto a HIV nella gravidanza ed a fornire il supporto appropriato a tutte le madri HIV positive.„

 

Source:

UCL Institute of Child Health