Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il più alta assunzione del pesce aumenta il numero di grandi particelle di HDL, dice lo studio

L'aumento dell'assunzione del pesce grasso aumenta il numero di grandi particelle di HDL, secondo uno studio recente terminato all'università di Finlandia orientale. La gente che ha aumentato la loro assunzione del pesce ad un minimo di 3-4 pasti settimanali ha avuta particelle più grandi di HDL nel loro sangue che la gente che è mangiatori meno frequenti del pesce. Le grandi particelle di HDL sono credute per proteggere dalle malattie cardiovascolari. I risultati sono stati pubblicati in PLOS UNO.

Il consumo di pesce lungamente è stato conosciuto per essere utile per salubrità; tuttavia, i meccanismi da cui i grassi ed altre sostanze nutrienti utili trovati in pesce funzionano nel corpo umano completamente non sono conosciuti. Questo nuovo studio effettuato al UEF fornisce nuove informazioni su come il consumo di pesce pregiudica la dimensione e le concentrazioni nel lipido delle lipoproteine che trasportano i lipidi nel sangue. I partecipanti di studio hanno aumentato la loro assunzione del pesce grasso in particolare.

È stato osservato che un'più alta assunzione del pesce ha aumentato il numero di grandi particelle e dei lipidi di HDL contenuti in loro. Gli studi basati sulla popolazione hanno indicato che colesterolo di HDL - anche conosciuto come buon colesterolo - e le grandi particelle di HDL sono efficienti in colesterolo extra ampio fuori dalle pareti dell'arteria. Le grandi particelle di HDL sono state associate con il rischio diminuito di malattie cardiovascolari, mentre le piccole particelle di HDL possono anche avere di fronte agli effetti.

I cambiamenti positivi nel metabolismo dei lipidi sono stati osservati in persone che hanno aumentato la loro assunzione del pesce più, cioè in persone che hanno mangiato almeno 3-4 farine di pesce alla settimana. I partecipanti di studio hanno mangiato il pesce grasso quali il salmone, la trota iridea, l'aringa e il vendace. Nessun burro o crema aggiunto è stata utilizzata nel preparato del pesce. Lo studio non dà le risposte a se un simile effetto sarebbe stato osservato ha avuto il pesce a bassa percentuale di grassi alimentare dei partecipanti di studio pricipalmente quali zander ed il pesce persico. Il pesce a bassa percentuale di grassi può avere altre indennità-malattia come abbassamento della pressione sanguigna, che è stata osservata in uno studio più iniziale effettuato al UEF.

Il metabolomics avanzato è stato utilizzato nello studio, permettendo per esempio ad un'analisi molto dettagliata delle particelle della lipoproteina. Le analisi sono state effettuate dal laboratorio RMN del Metabolomics dell'università. Tradizionalmente, il colesterolo è diviso “nel cattivo„ colesterolo di LDL e “nel buon„ colesterolo di HDL, ma questo metodo permette l'indagine su complessivamente 14 classi differenti della particella. “La gente non dovrebbe imbrogliarsi nel pensiero del quello se i loro livelli di lipidi standard sono GIUSTI, là non è necessità di pensare alla dieta, poichè le cose sono molto più complicate che quella. I grassi vegetali ed il pesce molli sono qualcosa preferire comunque,„ il ricercatore postdottorale Maria Lankinen dice.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che un approccio dietetico al trattamento dei livelli aumentati di colesterolo di LDL e del camice è importante.
I risultati sono bene in conformità con le raccomandazioni finlandesi di nutrizione che incoraggiano la gente a diminuire il consumo di carne rossa ed ad aumentare il consumo di pesce e di altri frutti di mare. L'ulteriore informazione sugli effetti sulla salute del pesce diventerà disponibile nell'immediato futuro come i risultati dal progetto Alfakala realizzato all'istituto di UEF della salute pubblica e della nutrizione clinica diventano disponibili. Lo studio adotta un approccio più dettagliato negli effetti sulla salute degli acidi grassi impianto-derivati omega-3 e dei pesci e studia gli effetti sulla salute del pesce grasso ed a bassa percentuale di grassi.

Source:

University of Eastern Finland