I ricercatori sviluppano l'adiuvante che migliora l'effetto di trasduzione del virus

Lentiviruses, che appartengono alla famiglia dei retroviruses, è usato mentre vettori per scambiare il materiale genetico in celle e può essere usato per sostituire un gene difettoso come definito tramite terapia genica. L'aumento del risparmio di temi di un tal trattamento posa una sfida medica importante: il virus dovrebbe specificamente tenere la carreggiata le cellule bersaglio, ma il numero del virus usato dovrebbe essere il più basso possibile.

Un gruppo di ricerca piombo dal H-fico del Dott. Ines e dal Dott. Natasa Anastasov dall'istituto di radiobiologia (ISB) a Helmholtz Zentrum M-nchen in collaborazione con Sirion Biotech Gmbh a Monaco di Baviera e dall'istituto di Fraunhofer a Aquisgrana ora ha sviluppato un adiuvante che migliora l'effetto della trasduzione del virus. Così il trasferimento nelle cellule bersaglio è ottimizzato senza tossicità supplementare.

Le molecole di superficie fondono i virus con le cellule bersaglio

Gli scienziati hanno fornito i virus delle molecole di superficie supplementari che facilitano il collegamento dei virus alle loro cellule bersaglio. Le molecole di superficie consistono di una glicoproteina che è fusa ad un frammento dell'anticorpo. Questo frammento dell'anticorpo individua i ricevitori di superficie delle cellule bersaglio specifiche, quali EGFR+ o CD30+ e le legature a questi.

Più alta tariffa di trasduzione - meno virus usato

“Attraverso questa associazione specifica alla cellula bersaglio possiamo migliorare la volta tre la tariffa di trasduzione (trasferimento dei virus nelle cellule bersaglio),„ ha detto la guida Anastasov del gruppo di ricerca. “Così, il risparmio di temi di trasduzione è migliorato ed allo stesso tempo meno virus di trasferimento sono necessari.„

In ulteriori studi, l'analogo al sistema istituito, frammenti adatti dell'anticorpo sarà valutato per gli indicatori della superficie specifica di varie cellule bersaglio, per esempio per le cellule staminali del midollo osseo e le celle immuni. La terapia genica può essere usata così come trattamento per le malattie genetiche specifiche (per esempio leukodystrophy metachromatic, sindrome di Wiskott-Aldrich).