Donne che usando l'iniezione di DMPA più probabilmente per acquistare HIV che le donne che usando NET-EN

L'analisi prevista dei dati dalla VOCE di prova di prevenzione del HIV ha compreso più di 3.000 donne nel Sudafrica, è primo confronto del rischio del HIV fra i 2 injectables

Le donne che hanno usato un anticoncezionale iniettabile chiamato DMPA erano più probabili acquistare il HIV che le donne che usando un simile prodotto chiamato NET-EN, secondo un'analisi secondaria dei dati da una grande prevenzione VOICE chiamata prova, ricercatori del HIV dagli istituti nazionali della rete salubrità Salubrità di prove del Microbicide (MTN) riferita oggi alla ventunesima conferenza sui Retroviruses e sulle infezioni opportunistiche (CROI) a Boston.

Un'individuazione inattesa nello studio era che la combinazione di essere positiva per il tipo del virus Herpes simplex - 2 (HSV-2) ed usando DMPA per la contraccezione sono stati associati con un elevato rischio del HIV confrontato alle donne che usando NET-EN e chi erano egualmente positivo HSV-2. Fra le donne negative HSV-2, tuttavia, non c'era differenza nel rischio del HIV fra quelli facendo uso di DMPA e quelli facendo uso di NET-EN. HSV-2, il modulo più comune di herpes genitale, è prevalente fra sessualmente - gli adulti attivi universalmente ma particolarmente diffuso in Africa Subsahariana ed egualmente ha pensato per svolgere un ruolo nei tassi alti di quella regione di HIV. Quasi la metà di tutte le donne nella VOCE ha verificato il positivo a HSV-2 all'iscrizione.

“È molto importante da riconoscere che questo era uno studio d'osservazione. Le donne non sono state ripartite con scelta casuale ai metodi contraccettivi, in modo da è possibile che fattori comportamentistici o altri siano stati responsabili di cui abbiamo veduto in questa analisi. Mentre abbiamo veduto più infezioni HIV in questo gruppo particolare di donne nella VOCE, questo sottogruppo era piccolo e l'individuazione deve essere catturata all'interno di contesto molto più grande della ricerca sull'impatto della contraccezione sulla salubrità delle donne,„ ha detto Lisa Noguchi, C.N.M., M.S.N., che è il Direttore scientifico di MTN per la ricerca di gravidanza e piombo lo studio corrente.

I ricercatori di MTN hanno condotto l'analisi per studiare la relazione fra gli anticoncezionali iniettabili ed il rischio di acquisto del HIV. Mentre alcuni studi hanno suggerito che le donne che usano DMPA siano al rischio aumentato di HIV confrontato a quelli non facendo uso di un metodo ormonale, una serie di altri studi non hanno indicato associazione. Pochi studi hanno esaminato esclusivamente l'impatto di NET-EN sul rischio del HIV. La nuova analisi dei dati di VOCE è il primo studio d'osservazione testa a testa direttamente per confrontare le differenze nel rischio del HIV fra gli utenti di DMPA e NET-EN.

DMPA, o l'acetato del medrossiprogesterone del deposito e NET-EN, short per il enanthate di norethisterone, sono anticoncezionali ormonali solo progestina. DMPA (ampiamente conosciuto dal suo nome di marketing Depo-Provera-) è amministrato ogni tre mesi, mentre NET-EN (o Noristerat-) è dato ogni due mesi. Entrambi i tipi di contraccezioni iniettabili sono altamente efficaci per la prevenzione della gravidanza ed in genere più efficaci delle pillole contraccettive orali.

La VOCE - vaginale ed interventi orali per gestire l'epidemia - è stata destinata per verificare la sicurezza e l'efficacia degli approcci differenti (ARV) del antiretroviral ad impedire il HIV in donne. È stata condotta fra 2009 e 2012 fra 5.029 donne da 15 siti nel Sudafrica, nell'Uganda e nello Zimbabwe. In questa analisi secondaria prevista del rischio del HIV, i ricercatori di MTN hanno messo a fuoco soltanto sulle donne iscritte ai siti della VOCE 11 nel Sudafrica, in cui entrambi gli anticoncezionali iniettabili sono metodi popolari di controllo delle nascite.

I risultati primari della VOCE, che sono stati riferiti alla riunione del CROI dell'anno scorso, trovata nessuno dei prodotti provati (compresse del tenofovir, compresse di Truvada- e gel del tenofovir) erano efficaci nell'impedimento del HIV e quel la maggior parte dei partecipanti non avevano usato il loro quotidiano definito del prodotto come raccomandato. Le più giovani, donne celibi erano il più minimo probabili usare il prodotto di studio ed erano egualmente più probabili da acquistare il HIV, con l'incidenza del HIV in questo gruppo che si avvicina a 10 per cento ad alcuni siti di studio nel Sudafrica, una tariffa considerevolmente più superiore preveduto. L'incidenza globale del HIV, che riflette il numero delle donne che diventano recentemente hanno infettato per ogni 100 partecipanti ad un anno dato, era 5,7 per cento complessivi, doppio che cosa era stato anticipato.

Come con tutta la prova di prevenzione del HIV che verifica un intervento biomedico infondato, la VOCE ha iscritto soltanto le donne che vogliono usare l'efficace contraccezione in tutto la loro partecipazione. In questo contesto, l'analisi secondaria dei dati offre la nuova comprensione circa il ruolo degli anticoncezionali iniettabili e di altri fattori che possono collocare le donne al rischio particolare del HIV.

Fra le 4.077 donne iscritte alla VOCE nel Sudafrica, 3.163 (78 per cento) chi ha usato un metodo iniettabile sono stati inclusi nell'analisi, con 2.055 (65 per cento) di coloro che ha usato mai DMPA e 1.363 (43 per cento) chi ha usato mai NET-EN (una piccola che percentuale ha usato entrambi i metodi ai tempi differenti). Con 204 donne che acquistano il HIV attraverso entrambi i gruppi, l'incidenza del HIV per le donne che usando qualsiasi anticoncezionale iniettabile era 7,1 per cento. Tuttavia, confrontato a NET-EN, il rischio del HIV era significativamente più alto fra gli utenti di DMPA - un'incidenza di 8 per cento contro 5,4 - con 150 infezioni HIV in donne che utilizzano DMPA e 54 nelle donne che usando NET-EN.

Confrontato agli utenti di NET-EN, gli utenti di DMPA hanno teso ad essere leggermente più vecchi, meno probabili da riferire avere partner multipli (o che il loro partner ha avuto partner multipli) ed anche da essere positivo HSV-2. Infatti, quando i ricercatori hanno considerato indipendentemente da fatto che le donne erano positivo HSV-2, la differenza era duplice. Fra 1.032 donne positive HSV-2 che usando mai DMPA, 95 hanno acquistato il HIV, una tariffa di incidenza di 10 per cento. Al contrario, l'incidenza del HIV era 5 per cento fra i 537 utenti positivi di HSV-2 NET-EN, in cui 20 hanno acquistato il HIV durante la VOCE. Tuttavia, fra quelle donne che erano la quantità negativa HSV-2, utenti di NET-EN e di DMPA non ha differito significativamente nel loro rischio di acquisto del HIV durante lo studio.

“Una delle ragioni che abbiamo intrapreso questa analisi era di contribuire a fornire il contesto alle domande circa la contraccezione iniettabile e l'acquisizione del HIV. Purtroppo, molte donne africane vivono nelle aree dove ci sono non solo alta incidenza del HIV ma anche tassi alti di mortalità materna. Facendo uso di efficace contraccezione può essere una scelta di salvataggio, in modo da confrontare i metodi di pianificazione familiare l'un l'altro, piuttosto che niente, è proficuo. Soddisfare le esigenze di salubrità delle donne in questa regione significa l'assicurazione che le donne possono accedere a vari metodi sicuri ed efficaci di impedire la gravidanza e di proteggere dal HIV,„ ha detto sig.ra Noguchi.

L'organizzazione mondiale della sanità (WHO) raccomanda che le donne che usando la contraccezione iniettabile solo progestina si consiglino forte di utilizzare sempre i preservativi. Allo stesso tempo, il WHO fa chiaramente il bisogno entrambi per ampliare la miscela contraccettiva di metodo e per impegnarsi nella più ricerca sulla relazione fra la contraccezione ormonale ed il HIV.

Negli ultimi anni, il MTN ha catturato a differenziare l'intervallo di efficaci metodi contraccettivi disponibili per studiare i partecipanti. Nel maggio 2012, il MTN ha formato il gruppo di atto della contraccezione per aiutare il sito per fornire il guadagno di personale l'addestramento necessario per la fornitura dei vari metodi, compreso l'unità intrauterina e (IUD) gli innesti di rame, direttamente alla clinica. Lo slancio già aveva cominciato quando nel luglio 2012 i MTN lanciati ASPIRANO, una prova di fase III dell'anello di dapivirine. Delle più di 2.100 donne dal Malawi, il Sudafrica, l'Uganda e lo Zimbabwe che si sono iscritte fin qui, più poco mezzo stanno usando un anticoncezionale iniettabile, mentre nella VOCE, 71 per cento delle donne hanno scelto questo metodo. E mentre la contraccezione ormonale orale era la scelta di 22 per cento delle donne nella VOCE, solo 8 per cento dei partecipanti ASPIRE stanno scegliendo di usare la pillola, tipicamente un metodo meno efficace che l'IUD, innesti o injectables. Più notevole è stato l'assorbimento dell'IUD. Durante la VOCE, soltanto otto partecipanti (meno di 1 per cento) delle 5.029 donne hanno usato un IUD, mentre più di 22 per cento dei partecipanti ASPIRE hanno scelto di usare un IUD per la contraccezione. Altri anticoncezionali a lunga azione quali gli innesti ormonali sono stati usati da soltanto 5 per cento dei partecipanti di VOCE; in ASPIRA, l'uso di questi metodi ha triplicato.

“Che cosa i nostri siti di prova hanno compiuto è niente lo stupore di a corto di. Hanno abbattuto una barriera degli ordinamenti, fornendo alle donne le scelte contraccettive meritano e migliorando la capacità del loro personale nella consegna di una più vasta gamma di servizi medico-sanitari di salute riproduttiva. Con tante donne che scelgono gli IUD e gli innesti nel nostro studio, egualmente potremo raccogliere i dati che possono aiutare nella comprensione dell'impatto potenziale di un intervallo dei metodi contraccettivi sul rischio del HIV,„ Sharon celebre più collinoso, Ph.D., dell'università di scuola di medicina di Pittsburgh, che è ricercatore co-principale del MTN e di una forza motrice dietro la formazione di gruppo di atto della contraccezione di MTN.