Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La carenza di ferro predice i punteggi più bassi di quoziente d'intelligenza in bambini adottati dalle impostazioni istituzionali

La carenza di ferro predice i punteggi più bassi di quoziente d'intelligenza e le abilità di pensiero più di ordine alto difficili in bambini adottati dalle impostazioni istituzionali come gli orfanotrofi, secondo un nuovo studio longitudinale.

I dati analizzati studio su 55 bambini adottati dalle istituzioni internazionali, con un fuoco su stato nutrizionale. Condotto dai ricercatori all'università di Minnesota, la ricerca compare nello sviluppo di bambino del giornale.

Bambini con la carenza di ferro più severa quando sono stati adottati e chi avevano passato più tempo in un'istituzione prima che siano adottati erano più probabili avere il quoziente d'intelligenza più basso ed abilità di pensiero più di ordine alto più difficili (quale la capacità di pianificazione e risolvere i problemi), lo studio trovato. La carenza di ferro ha pregiudicato le abilità di pensiero più di ordine alto indipendenti dal suo effetto su abilità conoscitiva generale, come misurato dalla prova di quoziente d'intelligenza. I livelli ancor meno severi di carenza di ferro sono stati associati con il funzionamento conoscitivo più difficile (esempi di funzionamento conoscitivo includono il comportamento di progettazione, memorizzare le informazioni nella memoria e poi agire su quelle informazioni ed il pensiero flessibilmente alle situazioni).

“Il nostro studio indica che sia la durata del funzionamento conoscitivo istituzionale dei bambini di influenza di nutrizione che di cura significativamente anche dopo che sono collocati in una casa di consolidazione,„ secondo la sorte avversa, il dottorando e Megan Gunnar, professore di Jenalee di psicologia infantile, all'università di Minnesota, due degli autori dello studio.

“Questi risultati sono importanti per i pediatri, gli psicologi ed altri specialisti che lavorano con i bambini adottati internazionalmente perché evidenziano l'importanza di esame le entrambe le carenze nutrizionali ed esperienza pre-adottiva dei bambini durante la valutazione ed il trattamento.„

Specificamente, notano, i bambini possono ricevere i supplementi del ferro o gli interventi conoscitivi che rispondono ai bisogni specifici di ogni bambino. Gli interventi comuni per i bambini internazionalmente adottati includono quelli che indirizzano il disordine sensitivo di integrazione ed il disordine dell'iperattività di deficit di attenzione. I genitori dovrebbero essere informati circa nutrizione di approvazione in modo da operano le scelte nutrizionali sane per ottimizzare il loro sviluppo dei bambini. Le organizzazioni che si specializzano in nutrizione in orfanotrofi trarranno giovamento da una comprensione di cui le sostanze nutrienti sono vitali per il funzionamento conoscitivo e della che tipo sottoalimentazioni sono trovate comunemente in bambini adottati internazionalmente chi precedentemente aveva vissuto nelle impostazioni istituzionali.

Anche i bambini che non sono adottati possono trarre giovamento dal video attento dello stato del ferro nella prima infanzia, dato che la carenza ha predetto significativamente i risultati conoscitivi indipendenti da quanto tempo i bambini in questo studio erano stati istituzionalizzati, nella nota degli autori.

Lo studio ha esaminato il quoziente d'intelligenza, le abilità di pensiero più di ordine alto e la carenza di ferro in bambini adottati nelle famiglie degli Stati Uniti dall'Africa, dall'Asia, dall'Europa Orientale e da America Latina. Il lavoro precedente ha esaminato l'effetto della privazione iniziale sullo sviluppo conoscitivo fra i bambini che vivono nelle istituzioni quali gli orfanotrofi o gli ospedali. Ma pochi studi hanno esaminato se questi bambini soffrono dalle carenze nutrizionali che contribuirebbero a spiegare le rotture nel funzionamento conoscitivo.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle sanitarie di 55 bambini (poi invecchia 17 - 36 mesi) presto dopo che sono stati adottati e li classificati come avendo livelli normali del ferro, carenza di ferro meno severa, o carenza di ferro severa, caratterizzato come anemia. Circa un anno più successivamente, quando i bambini avevano 2 - 4 anni, sono stati dati una prova e le prove di quoziente d'intelligenza che misurano le abilità di pensiero più di ordine alto. Queste abilità, anche chiamate funzione esecutiva, comprendono la capacità di ritardare una ricompensa, memorizzano e riescono le informazioni per compire un compito e pensano flessibilmente ad un compito.