Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca può piombo il modo verso i nuovi trattamenti per le retinopatie proliferative

La nuova ricerca nel giornale di FASEB suggerisce che il complemento permetta che l'organismo identifichi le imbarcazioni anormali e specificamente miri loro per rimozione senza danneggiare le celle in buona salute

Un nuovo rapporto pubblicato online nel giornale di FASEB può piombo il modo verso i nuovi trattamenti o una maturazione per una causa comune di cecità (retinopatie proliferative). Specificamente, gli scienziati hanno scoperto che il sistema immunitario innato dell'organismo fa più della guida per evitare gli agenti patogeni esterni. Egualmente contribuisce ad eliminare il vista-furto dei vasi sanguigni anormali, mentre lascia le celle in buona salute ed il tessuto intatti. Questa scoperta è per quanto la retina fa parte significativa del sistema nervoso centrale e le sue celle non possono essere sostituite una volta perse. Identificando i modi fare leva il sistema immunitario innato “ripulisca„ i vasi sanguigni anormali nella retina può piombo ai trattamenti che potrebbero impedire o ritardare la cecità, o riparano la vista.

“I nostri risultati cominciano ad identificare un nuovo ruolo del sistema immunitario innato da cui i mediatori endogeni mirano selettivamente al sistema vascolare retinico patologico per rimozione,„ hanno detto Kip M. Connor, il Ph.D., un ricercatore addetto al lavoro dal dipartimento dell'oftalmologia al laboratorio di angiogenesi dell'infermeria della facoltà di medicina di Harvard e dell'occhio e dell'orecchio di Massachusetts a Boston, mA. “È la nostra speranza che gli studi futuri permetteranno che noi sviluppiamo la terapeutica specifica che sfrutta questa conoscenza con conseguente maggior risultato visivo e la qualità di vita per i pazienti che soffrono dalla retinopatia diabetica o dalla retinopatia della prematurità.„

Per fare questa scoperta, Connor ed i colleghi hanno paragonato due gruppi di mouse, un gruppo geneticamente modificato che mancavano dell'attività nel complemento immune innato e un gruppo normale di a al sistema immunitario innato funzionale completamente -. I ricercatori hanno collocato entrambi i gruppi in un ambiente che ha indotto la crescita irregolare del vaso sanguigno nell'occhio, imitante che cosa accade in molte malattie oculari umane. I mouse che stavano mancando di un sistema immunitario innato funzionale hanno sviluppato significantly more vasi sanguigni irregolari che i mouse normali, indicanti che il complemento è un regolatore importante della crescita anormale del vaso sanguigno all'interno dell'occhio. D'importanza, nei mouse normali, gli scienziati potevano prevedere il sistema immunitario che mira e che uccide soltanto ai vasi sanguigni irregolari mentre lasciavano le celle in buona salute illese.

“Sapere il complemento funziona per tenere le nostre retine pulite è un primo punto importante verso i nuovi trattamenti che potrebbero imitare questa attività,„ ha detto Gerald Weissmann, M.D., il redattore capo del giornale di FASEB. “È una nuova comprensione di come le retinopatie proliferative ci rubano di vista e le promesse lasciarci vedere il percorso avanti chiaramente.„