Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova droga moltiplica l'effetto analgesico degli opioidi senza costipazione aumentante

Gli scienziati dall'università di Granada hanno partecipato, accanto al laboratorio di Esteve, allo sviluppo di nuova droga che moltiplica l'effetto analgesico degli opioidi (droghe per il trattamento del dolore intenso), senza costipazione aumentante, uno degli effetti collaterali più comuni di queste droghe, fra cui è la morfina.

Questa innovazione scientifica importante è stata pubblicata nel giornale di farmacologia e di terapeutica sperimentale ed è stata scelta come suo articolo eccezionale in gennaio. Finora, l'università di ricercatori di Granada ha pubblicato i risultati dalle prove della questa molecola sui mouse.

I derivati dell'oppio sono stati usati poiché periodi antichi trattare il dolore. Corrente, questo ed i simili prodotti (opioidi) sono le droghe usate per trattare i vari tipi di dolori intensi, quali dolore post--operatory, dolore di cancro o dolore dell'interno-organo. L'uso prolungato degli opioidi causa la forte costipazione, che è uno svantaggio sostanziale alla loro amministrazione, poiché diminuisce sostanzialmente il benessere paziente.

L'articolo recente-pubblicato prova che S1RA, una droga che blocca il ricevitore sigma-1, riesce a moltiplicare solamente l'effetto benefico degli opioidi; cioè i loro beni antidolorifici.

Il ricevitore sigma-1 è una proteina molto piccola che funge da neuromodulatore, collegantesi fisicamente ad altre proteine (fra quale sono i ricevitori dell'opioide) e modificante la loro funzione.

Come Enrique Cobos del Moral, uno degli autori e di un ricercatore all'università di istituto di Granada della neuroscienza, spiega, opioidi sono droghe basicamente “centrale-agenti„; cioè agiscono direttamente sopra il cervello e il medula spinale. Tuttavia, quando gli opioidi sono associati con gli stampi del ricevitore sigma-1, i loro effetti antidolorifici sono determinati agendo sopra altre aree; specificamente, sul sistema nervoso periferico. Da questo, è dedotto che il ricevitore sigma-1 è un freno biologico che impedisce l'analgesia periferica dell'opioide e che questo freno può eliminarsi dal trattamento farmacologico in modo da aumentare la potenza antidolorifica degli opioidi.

Questa innovazione scientifica è di importanza enorme per il benessere dei pazienti che soffrono dal dolore, poiché, a breve termine, permetterà lo sviluppo degli antidolorifici più efficienti con meno effetti collaterali.

Source:

University of Granada