Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La molecola di aderenza offre l'obiettivo terapeutico di promessa per impedire la colite

Può fornire l'obiettivo terapeutico per il trattamento della malattia di viscere infiammatoria e l'impedimento del Cancro colorettale Colite-Associato, secondo la nuova ricerca pubblicata nel giornale americano di patologia

La molecola CD146 di aderenza svolge un ruolo vitale nell'infiammazione ed offre un obiettivo terapeutico di promessa per il trattamento della malattia di viscere infiammatoria (IBD) come pure impedendo il cancro colorettale colite-associato, dica gli scienziati. L'ottimizzazione del CD146 con anti-CD146 l'anticorpo AA98, particolarmente congiuntamente ad un anticorpo dell'anti-TNF-alfa, ha mostrato i risultati di promessa in mouse. Il loro rapporto è pubblicato nel giornale americano di patologia.

L'espressione migliorata CD146 è stata riferita sulle celle endoteliali nelle biopsie intestinali dai pazienti con la malattia di viscere infiammatoria. Ci egualmente sono stati osservazioni cliniche che l'espressione CD146 è associata con altre malattie infiammatorie quali l'artrite reumatoide, l'insufficienza renale cronica ed il diabete. Tuttavia, i meccanismi erano poco chiari finora.

Nello studio presente, i ricercatori hanno precisato per esaminare come funzioni CD146 nelle malattie infiammatorie e, più d'importanza, per capire il suo ruolo nella carcinogenesi cronico-infiammazione-associata. Hanno trovato che CD146 endoteliale overexpressed ha promosso le risposte infiammatorie in IBD, che ulteriore ha rafforzato l'avvenimento di carcinogenesi colite-associata (CAC). “Eliminare CD146 endoteliale dall'espulsione condizionale in due modelli differenti del mouse di colite ha diminuito significativamente la severità di infiammazione ed ha fatto diminuire l'incidenza del tumore e progressione del tumore in un modello del mouse di CAC,„ riferisce il principale inquirente Xiyun Yan, PhD, dal laboratorio chiave dei prodotti farmaceutici del peptide e della proteina, istituto della biofisica, l'accademia delle scienze cinese, Pechino.

Per imitare i beni duraturi e di ricadute di IBD, il gruppo egualmente ha stabilito un modello cronico del mouse di colite ed ha amministrato anti-CD146 un anticorpo, AA98, dopo l'inizio della malattia. Poiché IBD è una malattia clinicamente eterogenea con i meccanismi complessi, una combinazione di droghe che mirano ai biomarcatori distinti potrebbe essere considerata come approccio potenziale. Quindi, egualmente hanno verificato il trattamento combinato anti-CD146 dell'anticorpo AA98 ed anticorpo V1q dell'anti-TNF-alfa in questo modello. L'indice analitico di attività di malattia ed il punteggio istologico sono stati diminuiti drammaticamente nel gruppo del trattamento AA98 e nel gruppo del trattamento di V1q, particolarmente il gruppo del trattamento di combinazione, rispetto al gruppo del trattamento del mIgG.

“Il trattamento corrente di IBD pricipalmente mette a fuoco su inibizione di citochine. Infliximab, un anticorpo contro l'TNF-alfa, è stato approvato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per il trattamento della colite ulcerosa (UC) e molti inibitori ed anticorpi contro l'TNF-alfa sono ora nell'ambito della valutazione clinica. Tuttavia, gli effetti secondari quale il rischio aumentato di infezione e perfino di linfoma sono stati indicati. Inoltre, i dati di test clinico suggeriscono che una considerevole percentuale di pazienti che ricevono la terapia dell'anti-TNF-alfa possa diventare resistente al trattamento durante gli anni primissimi. la terapia della molecola di Anti-aderenza ha potuto quindi essere un intervento terapeutico alternativo,„ spiega il Dott. Yan.

I ricercatori egualmente hanno trovato che c'era una diminuzione nei vasi sanguigni e nell'infiltrazione linfocitaria delle cellule, sia in mouse di V1q-treated che di AA98-treated, mentre una diminuzione più significativa è stata osservata nel gruppo del trattamento di combinazione. I livelli di espressione di citochine proinflammatory egualmente sono stati diminuiti.

“Il nostro studio fornisce la prima prova che CD146 endoteliale gioca un bivalente su endotelio, facilitando gli stravasi ed angiogenesi del leucocita, così promuovendo infiammazione,„ dice il Dott. Yan. “La sua partecipazione all'assunzione dei linfociti infiammatori ed alla promozione dell'angiogenesi può servire da collegamento critico fra colite e CAC. Sebbene molto più lavoro debba essere fatto prima di portarla alla clinica, mirare a CD146 con AA98, particolarmente congiuntamente ad un anticorpo dell'anti-TNF-alfa, può essere un'opzione terapeutica nel trattamento della colite come pure un metodo preventivo per CAC.„

Sta coltivando la prova che l'infiammazione cronica contribuisce a carcinogenesi, compreso gastrointestinale, il polmone ed i carcinoma della prostata. I pazienti che soffrono dal UC, un modulo importante di IBD, dato che più di 10 anni sono sei - dieci volte più probabilmente sviluppare il cancro colorettale che la popolazione in genere. Il UC è caratterizzato da un ciclo duraturo della remissione e dalle esacerbazioni dell'ulcerazione delle viscere, del dolore addominale, della diarrea, dei feci sanguinosi e di altri sintomi sistematici.

Source:

American Journal of Pathology