Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova tecnica amplia il numero delle cellule staminali funzionali di sangue di cavo per trapianto

Gli adulti che soffrono dalle malattie quali la leucemia, il linfoma ed altri disordini in relazione con il sangue possono trarre giovamento dal trattamento di salvataggio comunemente usato in pazienti pediatrici. I ricercatori alla scuola di medicina di Icahn al monte Sinai hanno identificato una nuova tecnica che induce le cellule formative (CB) di sangue di cavo a generare in numero maggiore renderle più utili nel trapianto adulto.

Lo studio, pubblicato nell'edizione di maggio del giornale di ricerca clinica, ha esaminato i modi ampliare il numero delle cellule staminali ematopoietiche (HSC) in laboratorio richiesto per riempire e rinnovare i globuli. Le cellule staminali di sangue di cavo hanno la capacità di dividersi rapido in presenza delle combinazioni di fattori di crescita ma perdono spesso il loro potenziale del midollo-repopulating dopo divisione cellulare. I ricercatori hanno esaminato i modi sormontare questa limitazione inducendo un programma genetico da cui una cellula staminale conserva i sui beni funzionali completi dopo la divisione in laboratorio.

“Le cellule staminali di sangue di cavo hanno posato sempre le limitazioni per i pazienti adulti a causa di piccolo numero delle cellule staminali presenti in una singola collezione,„ ha detto Pratima Chaurasia, il PhD, assistente universitario di medicina all'istituto del Cancro di Tisch al monte Sinai. “Queste limitazioni hanno provocato un tasso alto di errore dell'innesto e innesto in ritardo in pazienti adulti.„

I ricercatori hanno usato una tecnica chiamata riprogrammare epigenetico che ha rimodellato il DNA delle cellule curando le celle con una combinazione di inibitori di deacetylase dell'istone (HDACI) e di acido valproic. Le celle VPA-trattate hanno prodotto un maggior numero delle celle repopulating ed hanno stabilito l'ematopoiesi di multilineage in mouse immune-carenti primari, secondari e terziari.

“Siamo eccitati tramite questi risultati. I risultati hanno implicazioni importanti per i pazienti che combattono i cancri di sangue e la differenza fra successo e errore dei trapianti della cellula staminale della salvavita.„ Ronald aggiunto Hoffman, MD, Albert A. e professore di medicina, Direttore di Vera G. List del programma di ricerca di disordini di Myeloproliferative all'istituto del Cancro di Tisch al monte Sinai.

Questo studio è stato supportato da una concessione di scienza della cellula staminale di New York dal quadro della cellula staminale dello stato dell'impero, di cui la missione è di promuovere una forte comunità di ricerca della cellula staminale nello stato di New York e di accelerare la crescita di conoscenza scientifica circa biologia di cellula staminale e lo sviluppo delle terapie e dei metodi di sistema diagnostico nell'ambito dei livelli etici, scientifici e medici più elevati allo scopo dell'alleviazione della malattia e migliorare le sanità.