Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La scansione può eliminare la malattia del Parkinson

Da Eleonor McDermid, reporter senior dei medwireNews

I pazienti con i sintomi clinici della malattia del Parkinson precoce (PD) ma di nessuna prova del deficit dopaminergico sulla rappresentazione di cervello sono improbabili da avere la circostanza, dicono i ricercatori di studio di PRECETTO.

C'erano 91 (11%) tali paziente fra i 799 partecipanti dello studio di PRECETTO (esame di ricerca di Parkinson della prova CEP-1347), una proporzione tipica per una prova dei pazienti con palladio in anticipo. A tomografia computerizzata dell'emissione del unico fotone del tropane del riferimento carbomethoxy-3-β- (4-iodophenyl), la densità del trasportatore della dopamina di putamen più bassa (DAT) in questi pazienti era maggior di 80% di quello preveduto per la loro età.

Al contrario, la densità media di putamen DAT negli altri pazienti era appena 41,7% dei valori normali e questo in diminuzione più ulteriormente, da una media di 13,1%, fra il riferimento e la scansione di seguito a 22 mesi. In pazienti senza un deficit iniziale di DAT, la densità in diminuzione entro appena 1,9%, che i ricercatori dicono è “coerente con la tariffa di cambiamento precedentemente veduta fra gli individui sani.„

I risultati clinici hanno seguito un simile reticolo, con il totale ed i punteggi unificati motore della scala di valutazione della malattia del Parkinson che aumentano di 10,5 e 7,0 punti, rispettivamente, in pazienti con un deficit di DAT, rispetto a 0,5 e - 0,4 in quelli senza. Inoltre, 68% dei pazienti con un deficit di DAT aveva iniziato la terapia della dopamina, rispetto a 13% di quelle senza.

“Mentre questi dati non sono definitivi, suggeriscono forte che [pazienti senza un deficit di DAT] sia improbabile da avere palladio idiopatico„, scrivono lo studio l'autore Kenneth Marek (università del cavo di Rochester, di New York, di U.S.A.) ed i colleghi in neurologia.

Alla conclusione dello studio, i ricercatori sono stati chiesti di fornire una diagnosi probabile per i loro pazienti. Più di 96% dei pazienti con un deficit iniziale di DAT ha conservato una diagnosi coerente con palladio o uno stato strettamente connesso. Al contrario, 44% dei pazienti senza un deficit di DAT aveva passato ad una diagnosi non PALLADIO. Nessuna circostanza ha predominato, sebbene il tremito essenziale (17% dei pazienti) e le diagnosi non neurologiche (10%) fossero più comuni.

Più della metà dei pazienti senza un deficit iniziale di DAT hanno conservato una diagnosi del palladio, che il gruppo dice che “probabilmente riflette la difficoltà nella revisione delle diagnosi clinicamente in una variabile e lentamente in una malattia progressiva quale palladio.„

Tuttavia, sei di questi pazienti ha passato ad avere un deficit indeterminato o definito di DAT prima della scansione di seguito, “suggerendo che questi oggetti potrebbero essere su una traiettoria di DAT diminuito.„

I ricercatori concludono: “Come studia il fuoco sulla diagnosi precoce della diagnosi di premotor o persino del palladio, l'uso della rappresentazione negli studi clinici del palladio diventa sia più cruciale che più complicato.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.