Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Banco di Perelman estrae il rinnovo di $10M per studiare la più vecchia parte del sistema immunitario umano

L'Istituto Nazionale dell'Allergia e delle Malattie Infettive ha assegnato alla Scuola di Medicina di Perelman all'Università Della Pennsylvania un quinquennale, il rinnovo $10 milioni di un progetto di programma per studiare la più vecchia parte del sistema immunitario umano chiamato il complemento, o semplicemente “complemento.„ Il Complemento è una rete di più di 50 proteine nel sangue e sulle superfici delle cellule e fa parte del sistema immunitario innato, contrariamente al sistema adattabile che consiste degli anticorpi che possono “imparare„ ed adattarsi in moto agli antigeni differenti. Le proteine di complemento girano tranquillamente il sistema di sangue, tenente un basso profilo fino all'avviato a in atto.

John Lambris, PhD, il Dott. Ralph ed il Professor del Tessitore di Sallie della Medicina della Ricerca nel Dipartimento di Patologia e della Medicina del Laboratorio, sta studiando per molti anni il complemento ed è il principale inquirente sul progetto rinnovato di programma. Il Complemento è stato indicato per contribuire ad una vasta gamma di malattie immuni, infiammatorie e relative all'età. Lambris ed i colleghi stanno sviluppando la terapeutica novella per domare l'attivazione inadeguata del complemento e per proteggere le superfici delle cellule da un attacco da questo sistema di difesa.

Facendo Uso di piccoli inibitori delle componenti centrali del complemento, delle proteine regolarici costruite e dei rivestimenti protettivi delle cellule, stanno dimostrando il vantaggio di modulazione terapeutica del complemento in varie situazioni cliniche, compreso trapianto dell'organo, le complicazioni in relazione con l'emodialisi e il periodontitis. La malattia posteriore sta studianda in collaborazione con il Banco di Penn di Odontoiatria, nell'ambito della direzione del progetto di George Hajishengallis, DDS, PhD. Sebbene le diverse malattie abbiano grilletti distinti dell'attivazione del complemento, è probabile che ci sono reticoli comuni dei meccanismi immunomodulatory a valle che estenderanno la nostra percezione del ruolo patofisiologico del complemento e guidano lo sviluppo di terapeutica del complemento.

Durante i cinque anni iniziali del progetto di programma, il gruppo ha disfatto parecchi nuovi meccanismi del complemento ed ha dimostrato i ruoli sorprendenti di questo sistema antico nella rigenerazione del fegato e del cancro. Allo stesso tempo, il progetto ha prodotto un arsenale impressionante dei modulatori del complemento, alcuni di cui già hanno mostrato clinico.

“Sebbene il valore del complemento d'inibizione lungamente sia stato riconosciuto dal punto di vista terapeutico, la disponibilità delle droghe complemento-dirette nella clinica è ancora molto limitata,„ dice Lambris. Lo sviluppo e la valutazione di una casella degli strumenti degli inibitori di complemento che bloccano il sistema ai vari punti chiave funzionali quindi saranno un centro del rinnovo.

“Sebbene abbiamo saputo circa il complemento per oltre 100 anni, continua a sorprenderci, con le scoperte di nuove funzioni che raggiungono oltre difesa microbica per comprendere i ruoli nella sorveglianza, nell'omeostasi e nello sviluppo immuni,„ dice Lambris. “Che Cosa è più, sta diventando evidente che queste funzioni contano sull'interferenza con altri sistemi corporei. Tuttavia, le malattie in relazione con il complemento sono state studiate spesso in un modo isolato e senza considerare l'interferenza.„

Questo rinnovo svilupperà gli inibitori di complemento esplorando i meccanismi dell'inizio del complemento, della propagazione e dell'interferenza immune nei disordini infiammatori e valuterà il potenziale clinico di centrale e di via-specifico di questi inibitori di complemento.

Daniel Ricklin, PhD (Patologia e Medicina del Laboratorio), Laura Dember, MD (Elettrolito Renale e Divisione di Ipertensione), Ali Naji, il MD, il PhD, (Chirurgia), Elizabeth Grice, il PhD (Dermatologia) e Evlambia Hajishengallis, DDS, PhD (Odontoiatria), tutta da Penn sono egualmente ricercatori co-principali sul rinnovo.

Sorgente: Sistema di Salubrità dell'Università Della Pennsylvania