Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I capretti hanno esposto alla cottura o al fumo di tabacco più probabilmente per soffrire l'eccessivo dolore dopo le tonsillectomie

La nuova ricerca presentata alla riunione di quest'anno di Euroanaesthesia a Stoccolma indica che i bambini esposti alle stufe a carbone dell'interno e/o il fumo di tabacco di seconda mano sono molto più probabili soffrire le complicazioni postoperatorie e l'eccessivo dolore dopo le tonsillectomie. La ricerca è dal professor Daniel Sessler, clinica di Cleveland, Cleveland, l'Ohio, U.S.A. ed il Dott. Onur Koyuncu, università di Mustafa Kemal, Hatay, la Turchia e colleghi.

Quasi la metà della popolazione del mondo usa il combustibile solido compreso la biomassa (legno, residui del ventriglio e sterco animale) o il carbone per il riscaldamento e cucinare. Poiché le stufe solitamente centralmente sono posizionate nelle case e spesso nella sola sorgente del calore, le famiglie tendono a riunirsi intorno loro ed a dormire vicino. Molte stufe generano e scaricano gli agenti inquinanti nell'aria della famiglia compreso monossido di carbonio. I bambini egualmente sono esposti a monossido di carbonio via il fumo di tabacco di seconda mano, con i preventivi suggerenti che 40-70% dei bambini sia esposto universalmente.

L'esposizione a monossido di carbonio provoca il carboxyhaemoglobin*, che può provocare le complicazioni postoperatorie. Le concentrazioni elevate della carbossiemoglobina possono anche aumentare la sensibilità di dolore. I ricercatori quindi hanno verificato l'ipotesi primaria i bambini con le alte concentrazioni preoperatorie della carbossiemoglobina che le complicazioni più postoperatorie e fanno soffrire dopo le tonsillectomie. Secondariamente hanno verificato l'ipotesi che le alte concentrazioni della carbossiemoglobina sono associate con più dolore ed uso dell'antidolorifico.

100 bambini turchi previsti per la tonsillectomia elettiva sono stati divisi nei gruppi bassi ed ad alto tenore di carbonio dell'esposizione del monossido: g/dl ≤3 o ≥4 della carbossiemoglobina. Il risultato primario era complicazioni durante i sette giorni dopo chirurgia che broncospasmo incluso, laryngospasm, tosse persistente, desaturazione (ossigeno basso di sangue), l'esigenza di ri-intubazione, ipotensione, spurgo postoperatorio e rifunzionamento. Il dolore è stato valutato con i disgaggi di dolore delle fronti di taglio del Wong-Panettiere e l'uso supplementare del tramadolo dell'antidolorifico è stato registrato postoperatorio per quattro ore.

C'erano 36 pazienti nel carboxyhemoglobin basso del gruppo dell'esposizione [media 1,8 g/dl] e 64 pazienti erano nell'alto gruppo dell'esposizione [media 6,4 g/dl]. Le stufe a carbone dell'interno sono state riferite più spesso dalle famiglie del livello che in basso i bambini del carboxyhemoglobin (89% contro 72%). L'esposizione di seconda mano del fumo della sigaretta è stata riferita da 54% delle famiglie con i bambini con alta carbossiemoglobina, ma soltanto da 24% delle famiglie dei bambini con carbossiemoglobina bassa.

Le complicazioni erano più comuni in pazienti con alta carbossiemoglobina (47% contro 14% nel gruppo basso), con l'avvenimento nell'unità di cura di postanaesthesia. I punteggi di dolore nel postanaesthesia si preoccupano l'unità ed un'ora dopo che l'ambulatorio era significativamente più basso nel gruppo basso dell'esposizione. Similmente, l'uso di tramadolo era più basso nel gruppo dell'basso esposizione sia a 4 ore (3,5 contro 6,0 mg) che a 24 ore (3,5 contro 6,0 mg).

Gli autori concludono: “I bambini esposti a monossido di carbonio ambientale sostanziale hanno più complicazioni e più dolore dopo l'anestesia generale che meno bambini esposti.„