Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori eseguono l'esame sistematico per identificare i migliori trattamenti per la depressione in relazione con il Cancro

La depressione è comune nel cancro, fino alla metà di tutti i pazienti che affrontano i sintomi depressivi di esperienza di malattia, variante da delicato a severo. Quando la depressione coesiste con cancro, i pazienti possono essere ad un rischio aumentato di morte da cancro e dal suicidio.

Gli antideprimente sono prescritti comunemente, ma la prova sulla loro efficacia è mista. Il ruolo degli antideprimente nel trattamento della depressione in relazione con il Cancro rigorosamente non è stato studiato. Per identificare il best practice per il trattamento della depressione nel cancro, i ricercatori di Dartmouth hanno completato un esame e una meta-analisi sistematici della ricerca attuale. Il documento è stato pubblicato in psichiatria del policlinico a giugno

L'esame ha identificato due classi di antideprimente che diminuiscono i sintomi della depressione:
•Un antagonista del ricevitore di alpha-2-adrenergic: Mianserin
•Due inibitori selettivi di ricaptazione della serotonina: fluoxetina (Prozac) e paroxetina (Paxil)
La prova disponibile suggerisce che la paroxetina e la fluoxetina possano migliorare i sintomi depressivi ma può più di meno ben-essere tollerata.

Miaserin egualmente ha mostrato un più alto tasso di risposta della depressione confrontato a placebo, mentre la paroxetina e la fluoxetina non hanno fatto. I tassi di risposta erano bassi suggerendo soltanto i cambiamenti modesti nei sintomi depressivi.

“Tutta la prova per i ricevitori di alpha-2-andrenergic è stata basata su un singolo agente, Mianserin,„ ha detto il Riblet di Natalie, il MD, il MPH, l'autore principale dello studio, dipartimento della psichiatria, scuola di medicina di Geisel. “Purtroppo, l'agente di promessa, Mianserin, non è disponibile negli Stati Uniti. Poichè Mirtazapine è un cugino farmacologico vicino di Mianserin, ci può essere vantaggio clinico più ulteriormente ad esplorare il ruolo di Mirtazapine nella gestione della depressione in relazione con il Cancro.„

In termini di profili di effetto secondario, Mianserin è comparso leggermente più tollerabile confrontato a placebo; la paroxetina ha avuta leggermente più su ma il tasso di marginalità non significativo dovuto gli effetti secondari ha confrontato a placebo; la fluoxetina ha avuta un'interruzione procedura significativamente più alta che il placebo, sebbene questa che trova diventasse non significativa dopo l'eliminazione del valore erratico di studio.

“Le interazioni della droga avverse sono possibili fra gli agenti della chemioterapia ed antideprimente,„ ha detto il Riblet. “Specificamente il tamoxifene, un agente comune della chemioterapia, può interagire con determinati antideprimente per aumentare il rischio di effetti secondari seri.„

Le classi differenti di antideprimente lavorano ai neurotrasmettitori differenti. Lo studio ha riferito che gli antagonisti del ricevitore di alpha-2-andrenergic mostrano la promessa particolare in malati di cancro possibilmente dovuto il loro profilo farmacologico, che aumenta la noradrenalina e la serotonina. Gli antagonisti del ricevitore di Alpha-2-andrenergic sono meno probabili causare gli effetti secondari in relazione con la serotonina comuni quali l'emicrania, l'agitazione, il jitteriness, o la disfunzione sessuale, ma possono contribuire alla sedazione.

L'esame ha compreso nove prove ripartite con scelta casuale condotte fra 1985 e 2011 con 4.700 registrazioni ammissibili da 1.169 pazienti dai vari paesi. I 83 per cento globali degli oggetti erano femminili con un'età media di 54 anni.

“C'è una penuria di prova per indirizzare il ruolo degli antideprimente nella depressione in relazione con il Cancro, ha detto il Riblet. “I nostri risultati suggeriscono che ci sia un'esigenza dei test clinici ripartiti con scelta casuale di alta qualità che esplorano il ruolo degli antideprimente nel trattamento della depressione in relazione con il Cancro.„

Source:

Norris Cotton Cancer Center at Dartmouth-Hitchcock