Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

CSI e la missione 31 di Fabien Cousteau esaminano l'impatto di sonno in persone che vivono underwater

La marina di Stati Uniti ed i ricercatori ciascuno della NASA hanno esaminato l'impatto di sonno in persone che vivono e che lavorano il underwater ma i ricercatori con l'istituto di sonno di Clayton (CSI) a St. Louis stanno sperando di guadagnare la nuova comprensione con uno studio in collaborazione con la missione 31 di Fabien Cousteau.

I gruppi di studio i ricercatori di sonno con gli acquanauti per esaminare come i fattori quali l'esposizione della scarsa visibilità, la pressione ambiente, i miscugli di gas dell'aria, lo sforzo e l'isolamento possono urtare il sonno.

Lo studio, “video risveglio/di sonno con Actigraphy durante la spedizione marina subacquea 31-Day„ piombo da Joseph M. Ojile, MD, fondatore e CEO di CSI e Christopher L. Drake, PhD, dai disordini di sonno dell'ospedale di Henry Ford e dal centro di ricerca.

La missione 31, una ricerca ambiziosa dell'oceano e la spedizione di formazione piombo da Fabien Cousteau, il nipote dell'esploratore famoso Jacques-Yves Cousteau dell'oceano, hanno cominciato il 1° giugno all'acquario, un laboratorio marino hanno posizionato subacqueo 63 piedi fuori dalla costa di largo chiave, Fla., di gestione dalla Florida International University (FIU).

Durante il loro soggiorno e per i sette giorni dopo il ritorno alla superficie, gli acquanauti di missione 31 hanno indossato un Actiwatch 2, un'unità della manopola che tiene elettronicamente una registrazione dentro un--du'agli intervalli minuscoli dell'attività dell'utente, dell'esposizione alla luce e del reticolo di sonno. Gli acquanauti egualmente hanno tenuto i diari personali delle loro esperienze di sonno.

“La letteratura della ricerca fino a questo punto per sonno nel underwater delle persone non ha indicato molto nel modo dei disturbi del sonno. Pensiamo che è perché la durata di studio non è stata prolungata; soltanto due settimane al massimo con appena un suggerimento di perturbazione alla fine,„ ha detto Drake. “Alcuni degli acquanauti con la missione 31 - Fabien Cousteau incluso - sono stati subacquei per il 31 giorno, che ci cattura nel nuovo territorio.„

 “Crediamo che i disturbi del sonno comincino ad accadere dopo che il segno di due settimane e diventato prominente al periodo di quattro settimane,„ ha detto. “Che è che cosa siamo messi a fuoco sopra e siamo interessati circa.„

Ojile ha detto che i dati raccolti potrebbero potenzialmente contribuire a curare i pazienti con i disordini di sonno.

“I dati dagli ambienti estremi possono essere utilizzati spesso in circostanze normali,„ Ojile ha detto. “Possiamo imparare qualche cosa di interessante circa i cambiamenti nei ritmi circadiani degli acquanauti, o la durata che cattura affinchè il loro sonno si normalizzi dopo l'affioramento può essere considerevole. La cosa emozionante è che non conosciamo che cosa la ricerca mostrerà. Ecco perché stiamo facendo questo.„

Source:

Clayton Sleep Institute