Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori studiano la distribuzione dei microelementi in tessuto dei tumori dell'osso

In uno studio che è quello solo del suo mondiale gentile, i ricercatori dal MedUni l'università tecnica di Vienna, Vienna e da Ludwig Boltzmann istituiscono hanno studiato la distribuzione dei microelementi nel tessuto dei tumori dell'osso. Il risultato: il tessuto tumorale contiene le più alte concentrazioni di microelementi. Ciò ha potuto rappresentare un punto di partenza per lo sviluppo delle terapie mirate a per il cancro di osso.

Secondo i preventivi, intorno 24 pazienti all'anno in Austria sono diagnosticati con osteosarcoma. Ciò fa questo tumore maligno dell'osso che, se lasciato non trattato, può essere interno, uno dei cancri più comuni per pregiudicare le ossa. La maggior parte delle casse sono diagnosticate in giovani invecchiati fra dieci e 25 anni.

Le cause di osteosarcoma sono ancora in gran parte sconosciute. Corrente, l'intervento chirurgico è il solo metodo di trattamento mirato a e la gamma di efficaci a trattamenti basati droga è relativamente stretto confrontata ad altri tipi di cancri, quale cancro al seno.

Ricerca alta tecnologia

Ciò era un'altra ragione per un gruppo di ricercatori piombo da Jochen Hofstätter del dipartimento di università dell'ortopedia al MedUni Vienna fare più indicatore luminoso sulla biologia di questo tipo di cancro. Insieme a Christina Streli dall'istituto atomico dell'università tecnica di Vienna e da Klaus Klaushofer dall'istituto di Ludwig Boltzmann di Osteology, uno studio ha studiato per la prima volta universalmente la concentrazione di microelementi nei tumori dell'osso.

Per fare questa, la regione commovente in primo luogo è stata fissata via un esame sotto il microscopio elettronico (rappresentazione a diffusione retrograda dell'elettrone) e poi è stata studiata facendo uso di radiazione di sincrotrone, un tipo di radiazione dei raggi x generato in un acceleratore di particelle. Questa misura è stata effettuata in Germania, poichè l'Austria corrente non ha la strumentazione per farla. Dice Hofstätter: “I risultati indicano che la concentrazione di ferro e di zinco nel tessuto tumorale è parecchie volte più superiore a in tessuto sano. Il tessuto tumorale quindi sembra creare un ambiente in cui i microelementi possono formare più facilmente le obbligazioni. Siamo entusiasta, tuttavia, studiare più dettagliatamente il ruolo dei microelementi in ulteriori studi.„

Riuscita collaborazione interdisciplinare

Dice Hofstätter: “Ha confrontato ad altri metodi, questa ricerca è il più tecnicamente il provocatorio, ma anche il più accurato. I risultati che abbiamo raggiunto, reso possibile soltanto con la cooperazione di tre istituzioni, dimostrano come interdisciplinare importante e perfino la collaborazione dell'inter-istituzione sono per la riuscita ricerca.„

Nuovi approcci alla terapia

Reinhard Windhager, capo del dipartimento dell'università dell'ortopedia al MedUni Vienna e policlinico di Vienna e un membro del gruppo di studio dice: “Nel campo alla della terapia basata droga per osteosarcoma, ci sono ancora molte domande senza risposta: alcuni tumori rispondono alla chemioterapia, alcune non fanno. Questi nuovi risultati hanno potuto offrire un approccio per nuovo, hanno mirato e personalizzato ai moduli del trattamento.„