Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo Studio suggerisce che la dieta sana, il sonno e l'esercizio possano attenuare gli impatti negativi dello sforzo

Un nuovo studio da Uc San Francisco è il primo per indicare che mentre l'impatto dei fattori di sforzo della vita si accumula fuori orario ed accelera l'invecchiamento cellulare, questi effetti negativi possono essere diminuiti mantenendo una dieta sana, esercitandosi e dormendo bene.

“I partecipanti di studio che si sono esercitati bene, dormito ed hanno mangiato bene hanno avuti meno riduzione del telomere che quelle che non mantenessero gli stili di vita sani, anche quando hanno avuti simili livelli di sforzo,„ hanno detto l'autore principale Eli Puterman, il PhD, assistente universitario nel dipartimento della psichiatria a UCSF. “È molto importante che promuoviamo la vita sana, particolarmente in circostanze delle esperienze tipiche nei fattori di sforzo di vita come la morte, caregiving e perdita del posto di lavoro.„

Il documento sarà pubblicato in Psichiatria Molecolare, un Complesso Editoriale pari-esaminato del giornale di scienza di natura.

Telomeres è i tappi di protezione alle estremità dei cromosomi che pregiudicano quanto le celle invecchiano rapidamente. Sono combinazioni di DNA e di proteine che proteggono le estremità dei cromosomi e li aiutano per rimanere stabili. Mentre diventano più brevi e mentre la loro integrità strutturale si indebolisce, le celle invecchiano e muoiono rapidamente. Telomeres egualmente ottiene più breve con l'età.

Nello studio, i ricercatori hanno esaminato tre comportamenti sani - attività fisica, ingestione dietetica e qualità di sonno - nel corso di un anno in 239 post-della menopausa, donne di fumo. Le donne hanno fornito i campioni di sangue all'inizio e alla fine dell'anno per la misura del telomere ed hanno riferito sugli eventi stressanti che si sono presentati durante quei 12 mesi. In donne che si sono impegnate nei livelli più bassi dei comportamenti sani, c'era un declino significativamente maggior di lunghezza del telomere in loro celle immuni per ogni fattore di sforzo principale di vita che si è presentato durante l'anno. Eppure le donne che hanno mantenuto gli stili di vita attivi, le diete sane ed il sonno di buona qualità sono sembrato protetti una volta esposti allo sforzo - i fattori di sforzo accumulati di vita non sono sembrato piombo a maggior riduzione.

“Questo è il primo studio che supporta l'idea, almeno d'osservazione, che gli eventi stressanti possono accelerare l'invecchiamento delle cellule immuni negli adulti, anche nel corto periodo di un anno. Eccitare, sebbene, sia che questi risultati ulteriori indicano quello che tiene l'attivo e mangiare e dormire bene durante i periodi di alto sforzo sono particolarmente importanti da attenuare l'invecchiamento accelerato delle nostre celle immuni,„ ha detto Puterman.

Negli ultimi anni, i più brevi telomeres sono stato associati con una vasta gamma di malattie in relazione con l'invecchiamento, compreso il colpo, la demenza vascolare, la malattia cardiovascolare, l'obesità, il diabete di osteoporosi e molti moduli di cancro.

La Ricerca sui telomeres e l'enzima che li fa, telomerase, sono stati aperti la strada a da tre Americani, compreso il biologo molecolare di UCSF ed il co-author Elizabeth Blackburn, PhD. Blackburn co-ha scoperto l'enzima del telomerase nel 1985. Gli scienziati hanno ricevuto il Premio Nobel in Fisiologia o la Medicina nel 2009 per il loro lavoro.

“Questi nuovi risultati sono emozionanti eppure d'osservazione a questo punto. Forniscono lo slancio per muoversi in avanti con gli interventi per modificare lo stile di vita in quelli che avvertono molto sforzo, per provare se l'attrito del telomere può vero essere rallentato,„ hanno detto Blackburn.

Sorgente: Università di California - San Francisco