Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nessuna due singole celle del tumore nei pazienti di cancro al seno hanno stesso genoma

Appena poichè nessuna due genti possiedono lo stesso trucco genetico, uno studio recente ha indicato che nessuna due singole celle del tumore nei pazienti di cancro al seno hanno un genoma identico.

Infatti, secondo la cella del tumore, si sviluppano alle velocità drammaticamente differenti, secondo uno studio piombo da Nicholas Navin, Ph.D., assistente universitario nel dipartimento della genetica al centro del Cancro dell'università del Texas M.D. Anderson a Houston. I risultati di studio possono avere implicazioni importanti per la diagnosi ed il trattamento di cancro al seno. La ricerca può anche assistere negli sforzi per combattere lo sviluppo della chemioterapia resistente nei pazienti di cancro al seno.

I risultati dello studio di Navin sono comparso nell'emissione di questa settimana della natura ed hanno aggiunto alla comprensione “della diversità genomica„ all'interno dei tumori. il Gran-gruppo che ordina gli studi dei tumori del petto ha identificato molte mutazioni prevalenti, ma ha fornito la comprensione limitata a diversità. Il gruppo di Navin ha sviluppato un nuovo approccio d'ordinamento chiamato Nuc-Seguente, rivelante che i sottotipi differenti di cancro al seno video hanno variato la diversità del tumore.

“Abbiamo trovato che due “orologi molecolari distinti„ stavano funzionando nelle fasi differenti della crescita del tumore, abbiamo detto Navin. “Le celle del tumore da cancro al seno triplo-negativo hanno avute una tariffa aumentata di mutazione, mentre le celle del tumore dal cancro al seno positivo del ricevitore dell'estrogeno (ER+) non hanno fatto.„

Circa 75 per cento dei cancri al seno sono ER+ e si sviluppano in risposta all'estrogeno dell'ormone. Sono curati spesso con terapia ormonale. i cancri al seno Triplo-negativi rappresentano 15 - 25 per cento di tutti i cancri al seno e generalmente non reagiscono bene a terapia ormonale o alla chemioterapia standard.

Il gruppo di Navin ha sviluppato Nuc-Sec come metodo unicellulare di sequenziamento del genoma e la ha applicata per studiare come le mutazioni delle cellule si presentano in entrambi i tipi di cancri al seno. Combinato con la molecola unicellulare che ordina, potevano profilare migliaia di celle.

“Un problema comune nel campo di genomica unicellulare è l'incapacità di convalidare le mutazioni che sono individuate in diverse celle,„ ha detto Yong Wang, Ph.D., un collega postdottorale nel dipartimento della genetica e primo autore sullo studio. “Per affrontare questo problema abbiamo combinato l'ordinamento unicellulare con l'ordinamento profondo mirato a della unico molecola. Questo approccio non solo convalida le mutazioni, ma egualmente misura le frequenze precise di mutazione di migliaia di celle.„

Una domanda importante nel campo della chemioterapia è se le mutazioni della resistenza preesistono in celle rare nel tumore, o se emergono spontaneamente in risposta alla terapia.

“Mentre questo problema è stato esaminato per le decadi in batteri, rimane capito male nella maggior parte dei cancri umani,„ ha detto Navin. “I nostri dati suggeriscono che tantissime diverse mutazioni siano probabili essere preesistenti nel tumore prima della chemioterapia. Di conseguenza, prevediamo che quello diversità genomica misurare abbia valore prognostico nell'identificazione quale paziente svilupperà la resistenza alla chemioterapia.„

Lo studio egualmente ha indicato che la diversità genomica può anche avere domande cliniche utili di invasione del tumore, metastasi e sopravvivenza di predizione del povero in pazienti.

Source:

The University of Texas M.D. Anderson Cancer Center in Houston