Studio: I Tumori cerebrali dirottano l'offerta di sangue attuale del cervello durante la progressione

I tumori cerebrali Pericolosi dirottano l'offerta di sangue attuale del cervello in tutto la loro progressione, crescendo soltanto all'interno degli spazi potenziali stretti fra e lungo migliaia del cervello di piccoli vasi sanguigni, nuove manifestazioni della ricerca per la prima volta.

I risultati contraddicono il concetto di che i tumori cerebrali hanno bisogno per coltivare i loro propri vasi sanguigni per tenersi crescere - e contribuire a spiegare perché le droghe che mirano a fermare la crescita di nuovi vasi sanguigni non sono riuscito nei test clinici a prolungare le vite dei pazienti con i tumori cerebrali peggiori.

Infatti, provare a bloccare la crescita di nuovi vasi sanguigni nel cervello realmente stimola i tumori maligni chiamati gliomi per svilupparsi più velocemente ed avanzare, la ricerca mostra. Dal lato promettente, la ricerca suggerisce un nuovo viale per l'individuazione delle droghe migliori.

Le scoperte vengono da un gruppo della Facoltà di Medicina dell'Università del Michigan che studiano i tumori in roditori ed in esseri umani e dai modelli elaborati dal calcolatore avanzati, in collaborazione con i colleghi dall'Arizona State University. Pubblicato online nella Neoplasia del giornale, saranno descritte più tardi durante questo mese come l'articolo di coperchio del giornale.

Configurazione o riporto negativo?

Le imbarcazioni che i ricercatori studiati alimentano l'esigenza costante del cervello di energia ed a comunicazione con il resto dell'organismo. Hanno una struttura speciale della parete dell'imbarcazione che protegge il cervello dall'infezione o da altri pericoli sangue-sopportati.

I nuovi risultati indicano che le celle del tumore si sviluppano esclusivamente all'interno degli spazi intorno alle imbarcazioni, chiudono abbastanza per dissipare la loro propria energia e rifornire il loro tessuto cerebrale di combustibile normale della crescita allo stesso modo fa. Invece di deposizione delle uova delle loro proprie ramificazioni di queste imbarcazioni come tumore le celle si dividono, ammucchiano semplicemente fuori le celle normali nell'area immediata e continuano a riempire gli spazi fra le imbarcazioni vicine.

Ciò ha continuato la crescita “autovascular„, come i ricercatori la chiamano, è stata individuata fin dall'inizio agli stadi finali della progressione del tumore. Va direttamente in senso contrario rispetto alla teoria del neoangiogenesis, o alla nuova formazione del vaso sanguigno, che ha determinato l'uso di determinate droghe trattare i tumori cerebrali quali il multiforme di glioblastoma ed altri cancri.

l'anno scorso, due test clinici hanno indicato che i pazienti di glioblastoma che catturano una droga anti-angiogenica come componente del trattamento non sono sopravvissuto a affatto lungamente ed in alcuni casi hanno sofferto gli effetti secondari che i pazienti che non hanno ottenuto la droga. Pazienti di cui il glioblastoma ha ritornato dopo che il trattamento egualmente usa la droga per diminuire gonfiare.

I ricercatori avvertono che è lontano troppo presto affinchè i pazienti prenda le decisioni mediche basate sui loro risultati.

Ma notano quella ulteriore ricerca su come le nuove terapie direttamente pregiudicheranno le celle del tumore che crescono lungo i vasi sanguigni è già in corso.

“La questione chiave è stata di determinare come tumore-generando le celle diventi il modulo che la massa tumorale macroscopica che finalmente uccide i pazienti,„ dice Pedro Lowenstein, M.D., Ph.D., l'autore senior di nuovo documento e un Neuroscenziato ed il Professor di U-M nei Dipartimenti di Neurochirurgia e Cella & Biologia dello Sviluppo. “Abbiamo indicato che a causa molto dell'ad alta densità delle imbarcazioni endogene nel cervello e nel sistema nervoso centrale, le celle si sviluppano lungo quelle imbarcazioni preesistenti e finalmente si dividono per riempire lo spazio loro, dove la distanza fra tutte le due imbarcazioni è molto piccola.„

“Questa crescita iterativa lungo le imbarcazioni e nello spazio in mezzo significa che il tumore non si sviluppa come un pallone che richiede le nuove imbarcazioni di svilupparsi nella sua massa espandentesi per salvarla,„ lui continua, “ma piuttosto come capitalizzazione di piccole masse locali che poi si fondono in un grande tumore.„

Lowenstein nota che la teoria di angiogenesi di tutta la crescita del tumore propone che tumori più di un millimetro cubico nella necessità di dimensione di attirare i loro propri vasi sanguigni per sopravvivere a. La teoria è emerso dopo la ricerca sul tessuto non vascularized. Ma nel cervello, una densità molto grande dei vasi sanguigni già esiste all'interno di quel volume di tessuto cerebrale. E poche celle del tumore sono sufficienti per riempire lo spazio fra tutte le due imbarcazioni.

I ricercatori hanno confermato questo esaminando il tessuto dai mouse e dagli esseri umani tramite i microscopi speciali - e modellando le loro previsioni della crescita con i computer potenti. Inoltre hanno veduto che i tumori hanno indotto le celle delle pareti dei vasi sanguigni a spargersi a parte - permettere che il liquido perda. Questo “leakiness„ provoca l'edema, o al il gonfiamento basato a fluida, connesso spesso con i tumori cerebrali.

Nel nuovo studio, il gruppo di ricerca ha indicato che, come previsto, il bevacizumab della droga di anti-angiogenesi ha stabilizzato le pareti delle imbarcazioni minuscole, diminuenti l'edema. Ciò echeggia l'esperienza nei pazienti umani che usano la droga per il gliobastoma ricorrente - molti avvertono una riduzione dei sintomi conoscitivi e della qualità di vita aumentata mentre meno liquido si accumula nei loro cervelli.

Ma quasi perverso, la stessa droga destinata per fermare i tumori può realmente renderla più facile affinchè loro si sviluppi. Nella ricerca recentemente pubblicata, i mouse con i tumori cerebrali hanno trattato con la droga sono morto contemporaneamente ai mouse che non hanno ricevuto la droga per i loro tumori.

Stringendo le pareti colanti dell'imbarcazione, la droga può renderla più facile affinchè le celle del tumore continui il trattamento di autovascularization, i ricercatori suggeriscono. Il partner Maria Castro della ricerca di Lowenstein, il Ph.D., il Professor di Neurochirurgia e la Cella e la Biologia dello Sviluppo, dice che “è come se la crescita del tumore lungo “la strada„ di un vaso sanguigno abbia provocato molte buche per formarsi sul fondo stradale. Ma quando la droga di anti-angiogenesi è data, essenzialmente rattoppante le buche, le celle del tumore convincono una strada più liscia per svilupparsi avanti. Può anche dare loro una strada principale attraverso il disaccordo fra le metà del cervello.„

Armato con questa nuova comprensione, il gruppo di ricerca ha spostato il suo fuoco a trovare i modi attaccare i tumori dall'interno delle imbarcazioni che si sviluppano avanti. Lavorando con l'Instituto di Chimica di U-M e l'Istituto Universitario dei ricercatori della Farmacia, stanno cercando i modi consegnare le droghe nano di taglia molecolari per via endovenosa nell'area immediata del tumore. Egualmente stanno studiando più dettagliatamente come la crescita delle cellule del tumore cambia la struttura delle pareti del vaso sanguigno e del tessuto circostante.

Facoltà di Medicina dell'Università del Michigan di SORGENTE

 

Advertisement