Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente con danno conoscitivo è più probabile avere colpo

La gente con danno conoscitivo è sensibilmente più probabile avere un colpo, con un rischio aumentato 39%, che la gente con la funzione conoscitiva normale, secondo un nuovo studio pubblicato in CMAJ (giornale medico canadese di associazione).

“Dato l'aumento sostanziale aggettante nel numero del persone in tutto il mondo più anziano, nelle tariffe di prevalenza di danno conoscitivo e nel colpo sono preveduti di salire durante i parecchi decenni prossimi, particolarmente in paesi con reddito elevato,„ scrive il Dott. Bruce Ovbiagele, la presidenza del dipartimento della neurologia, università di Carolina del Sud medica, Charleston, Carolina del Sud, con i co-author.

Il danno ed il colpo conoscitivi sono contributori importanti all'inabilità ed il colpo è la seconda causa della morte principale universalmente. Sebbene il colpo sia collegato allo sviluppo ed al peggioramento del danno conoscitivo, non è conosciuto se l'inverso è vero. Gli studi precedenti che hanno esaminato il collegamento fra danno conoscitivo ed il colpo successivo sono stati contradditori nei loro risultati.

Lo studio in CMAJ, dai ricercatori negli Stati Uniti, la Taiwan ed in Corea del Sud, dati analizzati da 18 studi di 121 879 persone con danno conoscitivo, di cui 7799 successivamente hanno avuti colpi. La maggior parte degli studi inclusi sono stati intrapresi in America settentrionale o Europa.

I ricercatori hanno osservato una tariffa significativamente più alta del colpo nella gente con danno conoscitivo che nella gente con la funzione conoscitiva normale.

“Abbiamo trovato che il rischio di colpo futuro era 39% più su fra i pazienti con danno conoscitivo al riferimento che fra quelli con la funzione conoscitiva normale al riferimento,„ scriviamo gli autori. “Questo rischio è aumentato a 64% quando una definizione largamente adottata di danno conoscitivo è stata usata.„

Il bloccaggio dei vasi sanguigni nel cervello (infarti del cervello), l'aterosclerosi, l'infiammazione ed altre circostanze vascolari sono associati con un elevato rischio del colpo e del danno conoscitivo e possono contribuire al rischio aumentato.

“Il danno conoscitivo dovrebbe essere riconosciuto più largamente come manifestazione clinica iniziale possibile di infarto cerebrale, di modo che la gestione tempestiva dei fattori di rischio vascolari può essere istituita potenzialmente per impedire gli eventi futuri del colpo e per evitare ulteriore deterioramento di salubrità conoscitiva,„ conclude gli autori.