I fattori di Stile Di Vita modificano il rischio di danno della visione

Dal Pifferaio di Lucy, Reporter Senior dei medwireNews

L'alcool di Fumo e bevente e l'attività fisica sono comportamenti modificabili che influenzano il rischio di danno della visione (vi), mostrano i risultati dallo Studio dell'Occhio della Diga del Castoro.

I ricercatori calcolati, per esempio, che le donne con degenerazione maculare senile relativa all'età iniziale (AMD) e un reddito domestico annuale di meno che US$ 10.000 avrebbero un'incidenza cumulativa stimata di 20 anni di VI di 5,9% se bevessero occasionalmente ed erano fisicamente attive, rispetto a 25,8% se non consumassero l'alcool ed erano sedentarie.

Con il numero della gente con VI aumentare come conseguenza di una popolazione di invecchiamento, i ricercatori evidenziano l'importanza dell'identificazione dei fattori di rischio che potrebbero essere modificati con intervento per fare diminuire il carico.

Piombo da Ronald Klein (Università di Scuola di Medicina diWisconsin-Madison e di Salute pubblica, U.S.A.), il gruppo ha misurato l'acuità visiva migliore corretta (BCVA) di 4926 persone ha invecchiato 43 - 86 anni nel 1988 al 1990, che sono stati rivalutati a circa 5 intervalli annuali durante 20 anni.

L'incidenza cumulativa di 20 anni di VI, in base ad un BCVA nell'occhio migliore-vedente di meno di 20/40, era 5,4% e la perdita risultante di lettere per questo periodo era 6,6.

L'Entrambe numero delle lettere ha perso e l'incidenza VI dell'aumentato di con l'età. Dopo avere registrato per ottenere il questo come pure il reddito e la severità di AMD, essendo un fumatore di esperienza o della corrente è stato associato con un importante crescita nel numero delle lettere perse.

Effettivamente, all'interno di ogni intervallo di cinque anni, i fumatori correnti hanno perso almeno 0,45 lettere di più mai dei fumatori, i ricercatori riferiscono in Oftalmologia.

Fumando più non è stato associato significativamente con il rischio di sviluppare il danno visivo dopo avere gestito per i fattori di confusione, ma l'attività fisica era. I Partecipanti che non hanno consumato l'alcool erano 2,12 volte più probabili da sviluppare VI che coloro che ha avuto hanno bevuto meno di una bevanda alcolica alla settimana durante l'anno scorso. I ricercatori notano che la quantità di alcool consumata ha avuta scarso effetto, con la riduzione di rischio simile per quelle che consumano meno di una bevanda alcolica alla settimana come per quelle che consumano una o due bevanda al giorno.

L'Attività fisica egualmente ha influenzato il rischio di VI, riducente la probabilità di circa 60% rispetto ad uno stile di vita sedentario.

I ricercatori notano che c'erano alcune differenze nella concentrazione delle associazioni fra gli uomini e le donne, ma le direzioni erano le stesse.

“Resta vedere di se i cambiamenti in questi fattori provocheranno meno casi di incidente VI nella popolazione di invecchiamento„, essi conclude.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.