L'uso a breve termine degli inibitori DPP-4 non aumenta il rischio per cancro del pancreas

I ricercatori al banco di UNC Gillings della salute pubblica globale e della scuola di medicina di UNC hanno trovato che una classe popolare di farmaci del diabete chiamati inibitori DPP-4 non aumenta il rischio a breve termine di cancro del pancreas, come precedentemente sono stati riferiti da altri ricercatori.

“La nostra ricerca indica che l'uso a breve termine degli inibitori DPP-4 nei pazienti più anziani del diabete non aumenta il loro rischio per cancro del pancreas,„ ha detto John Buse, MD, PhD, Direttore del centro di cura del diabete ad UNC e co-author del documento nella questione attuale del diabete, dell'obesità e del metabolismo del giornale. “Tuttavia, non possiamo indirizzare appena la sicurezza a lungo termine, eppure. Non c' è appena abbastanza gente che abbia catturato per molti anni la droga.„

Gli inibitori DPP-4 sono venuto sul servizio nel 2006. Da allora, queste droghe si sono trasformate in alcuni dei farmaci il più comunemente prescritti del diabete, soprattutto perché causano spesso meno effetti secondari confrontati ad altri trattamenti del diabete.

Ma nel 2009, Food and Drug Administration ha pubblicato un avviso della sicurezza per gli inibitori DPP-4 dopo i rapporti di pancreatite acuta in pazienti. A seguito di quell'avviso, l'analisi degli eventi avversi di FDA che riferiscono gli studi di autopsia e del database ha suggerito che i pazienti che avevano catturato gli inibitori DPP-4 affrontassero un rischio aumentato di cancro del pancreas. Tuttavia, altri ricercatori erano critici degli studi, ad esempio la ricerca era stata limitata da progettazione di studio, un piccolo numero di pazienti erano stati comportati e l'assenza di informazioni chiave stata necessaria per avere le pretese che gli inibitori DPP-4 sono stati collegati al rischio a breve termine di cancro del pancreas.

Facendo uso di una progettazione di studio più avanzato, i ricercatori di UNC piombo da Mugdha Gokhale, il ms, assistente di ricerca al banco di UNC Gillings della salute pubblica globale, hanno confrontato la tariffa delle diagnosi del cancro del pancreas in un campione scelto a caso dei beneficiari di Assistenza sanitaria statale. Alcuni pazienti avevano catturato gli inibitori DPP-4; altri avevano catturato due differenti ma anche i farmaci comunemente prescritti - sulfonylureas e tiazolidinedioni. Poi i ricercatori hanno confrontato la tariffa delle diagnosi del cancro del pancreas fra i due gruppi di pazienti e non hanno trovato rischio aumentato di cancro del pancreas fra i pazienti che avevano usato gli inibitori DPP-4. Lo studio ha esaminato i reticoli nell'ambiente del trattamento ed ha usato varie tecniche ben-convalidate della ricerca per minimizzare i problemi di confusione che possono accadere in tali studi d'osservazione.

Questo studio basato sulla popolazione, che ha imitato le decisioni cliniche del trattamento, ha indicato che il rischio di cancro fra i pazienti diabetici più anziani che usando le droghe DPP-4 non aumenta neppure durante il secondo anno di esposizione della droga. Tuttavia, i periodi più lunghi del trattamento non sono stati studiati, né abbia rischi a lungo termine. Ma Buse ha detto che i risultati dovrebbero rassicurare i pazienti ed i fornitori per quanto riguarda la sicurezza degli inibitori DPP-4 per i pazienti più anziani.

Source:

UNC School of Medicine