Nuovo sistema di controllo miniaturizzato e wireless per i pazienti dell'infarto

Un nuovo sistema di controllo miniaturizzato e wireless, impiantato nell'arteria polmonare, sta aiutando tiene i pazienti con infarto severo dall'ospedale. L'ospedale metodista di Houston è la prima istituzione a Houston per offrire questo ai pazienti dell'infarto.

Uno studio dei pazienti con l'infarto della classe III ha mostrato il sistema di HF di CardioMEMS dai ricoveri ospedalieri diminuiti Inc. dell'infarto di St. Jude Medical da 28 per cento sei mesi dopo che l'unità è stata impiantata e più di 37 per cento a 15 mesi. L'infarto della classe III è definito dall'associazione americana del cuore come pazienti con la malattia cardiaca con conseguente profonda limitazione di attività fisica. Stanno bene a riposo. L'attività meno ordinaria può causare la fatica, la palpitazione, la dispnea o il dolore anginoso. Quasi 1,5 milione Americani vivono con l'infarto della classe III.

Il sistema, il solo video dell'infarto ha approvato da Food and Drug Administration (FDA), caratterizza un sensore clip di taglia di carta che è impiantato nell'arteria polmonare per misurare la pressione dell'arteria polmonare. La pressione aumentata con i cambiamenti di pressione sanguigna e del peso è indicazioni del peggioramento dell'infarto. Egualmente permette che i pazienti trasmettano le letture quotidiane del sensore dalla loro casa al loro medico o infermiere tenendo conto la gestione personale e dinamica del loro stato.

“Il tasto a tenere i pazienti dell'infarto dall'ospedale è stato di trovare una misura accurata di un indicatore che prende l'accumulazione fluida nell'organismo ed io credono che questo sistema facesse che efficacemente,„ ha detto il Dott. Arvind Bhimiraj, un cardiologo al cuore metodista di Houston DeBakey & al centro vascolare. “È stato affermato in molti studi che c'è almeno uno spazio dei 15 giorni fra il periodo di capitalizzazione fluida ed il paziente che avverte i sintomi. Se possiamo ottenere presto ai pazienti, possiamo diminuire significativamente la probabilità dell'ospedalizzazione.„

L'infarto accade quando il cuore non può pompare abbastanza sangue per rispondere alle esigenze dell'organismo. Secondo il centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, più di 5 milione Americani vivono con infarto e quasi 600.000 nuovi casi sono diagnosticati ogni anno. Il costo stimato di infarto negli Stati Uniti nel 2012 era $31 miliardo e quel numero si pensa che si raddoppiasse da ora al 2030.

“Questo innesto è destinato per durare una vita ed il paziente non deve preoccuparsi per il cambiamento fuori delle batterie,„ Bhimiraj ha detto. “Vero credo che ci aiuti a dare a pazienti una migliore qualità di vita ed a ridurre significativamente i ricoveri ospedalieri e le riammissioni.„

Source:

Houston Methodist Hospital