Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il programma educativo mezzo giorno può contribuire ad istruire le donne sugli effetti secondari della chirurgia di prevenzione del cancro

Più donne stanno avendo ovaia-eliminazione della chirurgia come misura preventiva di prevenzione del cancro, ma molte sono spesso ignare degli effetti secondari sessuali o psicologici della procedura. Un nuovo studio dai ricercatori al Dana-Farber Cancer Institute mostra che un programma educativo mezzo giorno può contribuire con successo a occuparsi di queste emissioni istruendo le donne su come parlare loro.

Il programma ha insegnato a donne a come gestire alcune delle difficoltà fisiche ed emozionali che possono seguire l'ovaia-eliminazione della chirurgia ed hanno aiutato molti partecipanti a riattivare l'attività sessuale soddisfacente ed a diminuire le sensibilità di ansia e della depressione, i ricercatori trovati. Lo studio, pubblicato oggi nel giornale di medicina sessuale, sottolinea la necessità di informare le donne circa le ripercussioni di questo tipo di chirurgia e, lascile criticamente sanno che tali problemi possono occuparsi di con successo.

“Per le donne che ereditano le mutazioni genetiche che le mettono al rischio aumentato per cancro ovarico, il oophorectomy - rimozione chirurgica delle ovaie - può ridurre marcato quel rischio. Ma la procedura può avere effetti secondari potenzialmente difficili,„ ha detto il primo autore dello studio, Sharon Bober, il PhD, il fondatore e Direttore, programma di salute sessuale a Dana-Farber. “I pazienti avvertono spesso i problemi quale siccità vaginale, che può rendere le richieste difficili o dolorose, una diminuzione nella libido, un cambiamento nell'immagine dell'organismo e una perdita di senso della vitalità o della femminilità. In questo studio, abbiamo cercato di vedere se un programma di istruzione e formazione potrebbe migliorare il funzionamento sessuale ed alleviare l'emergenza in questi pazienti.„

Lo studio ha fatto partecipare 37 pazienti del oophorectomy che hanno portato le mutazioni nei geni BRCA1 o BRCA2, che li hanno predisposti al petto di sviluppo o al cancro ovarico. Tutti hanno assistito ad una sessione educativa mezza giorno progettata da Bober che ha insegnato loro come gestire gli effetti secondari della procedura, migliorare la loro auto-immagine e le tecniche di rilassamento di pratica. Quello è stato seguito da due sessioni di consiglio del telefono.

All'inizio del programma e di due mesi dopo la sua conclusione, i partecipanti hanno compilato i questionari circa il loro benessere sessuale ed emozionale. Hanno riferito il miglioramento significativo nella salubrità sessuale, un aumento nel desiderio sessuale e nella soddisfazione e una diminuzione nel dolore connesso con richieste. Egualmente hanno riferito ritenere meno ansia.

“Abbiamo trovato che oltre ad acquisire le nuove abilità e conoscenza, i partecipanti lo hanno trovato utile essere in una regolazione con altre che avessero passato con che una simile esperienza,„ Bober ha rilevato. “Speriamo di studiare se questo approccio possa essere efficace su vasta scala, forse impegnando i pazienti in un programma del web.„

Source:

Dana-Farber Cancer Institute