Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La gente curata con la droga del litio è a rischio di danno acuto del rene

La gente con disordine bipolare che sta curanda con il litio della droga è a rischio di danno acuto del rene ed ha bisogno del video attento, secondo la ricerca nuova dall'università la fiducia delle fondamenta di NHS di East Anglia (UEA) e della Norfolk e della Suffolk.

Il litio è un trattamento di sostegno per disordine bipolare ed è conosciuto che la droga può causare una perdita di funzione del rene. La nuova ricerca stabilisce il collegamento fra l'esposizione a breve termine agli alti livelli ed il danneggiamento potenziale dei reni. 

Ancora non è conosciuto che cosa l'impatto di più di singola esposizione agli alti livelli può avere sulla funzione del rene. Il gruppo della Norfolk corrente sta esplorando gli effetti delle esposizioni multiple ai livelli elevati del litio.

I ricercatori dal banco di UEA della farmacia e facoltà di medicina e farmacisti di Norwich la fiducia delle fondamenta a NHS della Suffolk e della Norfolk hanno intrapreso un'analisi retrospettiva di 699 genti della Norfolk registrate sul database della Norfolk SystemTDM® che ha ricevuto il litio in questi ultimi 10 anni.

I risultati indicano per la prima volta che un singolo ad alto livello di litio (>1.0mmol/L) è associato con una diminuzione significativa nella filtrazione dai reni che seguono l'eccessiva esposizione del litio. La funzione del rene è rimanere commovente per fino a nove mesi dopo l'esposizione ad un livello elevato del litio. 

La Norfolk ha avuta dal 2002 un database del litio e un registro per l'intera contea (SystemTDM®). Il database ha migliorato significativamente le tariffe della prova e del video del litio ed ha aiutato i servizi di NHS nella contea per superare gli standard di cura nazionali per la gente che cattura il litio. 

Lo studio ha analizzato il registro di SystemTDM® per esaminare le misure della funzione del rene nei tre mesi che seguono un ad alto livello di litio che è individuato (>1.0mmol/L) una volta confrontato alla gente di cui il litio livella non ha superato mai 0.8mmol/L. 

Recentemente PIACEVOLE ha cambiato la sua raccomandazione che i livelli del litio dovrebbero essere effettuati semestralmente, una riduzione da litio precedentemente di raccomandazione livella ogni tre mesi. Questi risultati supportano forte il litio che il video livellato è intrapreso almeno ogni tre mesi, in conformità con altre linee guida BRITANNICHE e non essere diminuito. 

Piombo il ricercatore Emma che Kirkham dal banco di UEA della farmacia ha detto: “La nostra analisi indica per la prima volta che una singola esposizione ad un livello del litio maggior di 1.0mmol/L è associata con un rischio aumentato di danno di funzione del rene nei seguenti tre mesi e che il livello elevato, maggior l'effetto.„

“Questo evidenzia l'esigenza del video regolare intrapreso almeno ogni tre mesi e quel video non dovrebbe essere diminuito più ulteriormente fino a stabilire l'impatto di più di uno ad alto livello di litio completamente.„ 

Le fondamenta di NHS del professor Steve Bazire, del farmacista del consulente, della Norfolk e della Suffolk si fidano di, detto: “La ricerca mostra perché la cura fornita in Norfolk da NSFT con SystemTDM® è un benchmark per il resto del Regno Unito. SystemTDM® ha sfidato l'idea che la prova meno frequente del litio può essere sicura. Il livello di cura fornito in Norfolk ai pazienti che catturano il litio dovrebbe essere la norma attraverso il paese e non l'eccezione.„

“Un mmol/L del   del livello >1.0 del litio causa un declino acuto nel eGFR: i risultati da un'analisi retrospettiva di un database di video„ è pubblicato nel giornale BMJ aperto.

 

Source:

University of East Anglia