Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli adulti diagnosticati con il retinoblastoma come infanti eseguono meglio sulle mansioni, ritrovamenti di studio

Lo studio dell'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude ha trovato gli adulti diagnosticati con il retinoblastoma mentre gli infanti hanno eseguito spesso meglio sulle mansioni che i superstiti diagnosticati ad una vecchiaia; suggerisce che il cervello possa compensare l'insulto iniziale

La maggior parte dei superstiti a lungo termine del retinoblastoma, specialmente coloro che era stato diagnosticato con i tumori dai loro primi compleanni, hanno funzione conoscitiva normale come adulti, secondo uno studio dell'ospedale della ricerca dei bambini della st Jude. La ricerca, che compare nella questione attuale del Cancro del giornale, trovata che la vasta maggioranza dei superstiti lavora a tempo pieno, vive indipendente e compie altre pietre miliari di vita adulta.

Lo studio è il primo per esaminare come i superstiti adulti del retinoblastoma vanno conoscitivo e socialmente decadi dopo la loro diagnosi. I risultati contrappongono con la ricerca che fa partecipare i superstiti di altri cancri di infanzia che suggeriscono che una più giovane età alla diagnosi del cancro possa mettere i superstiti a rischio del funzionamento conoscitivo diminuito più successivamente nella vita.

“Come gruppo, i superstiti adulti del retinoblastoma stanno facendo abbastanza bene hanno basato sul loro funzionamento conoscitivo e raggiungimento delle pietre miliari sociali adulte,„ ha detto la Cesalpina Brinkman, il Ph.D., un membro di aiuto dello studio primo e corrispondere l'autore del dipartimento della st Jude dell'epidemiologia e del controllo del Cancro e del dipartimento della psicologia.

“Questo suggerisce che i bambini di cui il sistema visivo è danneggiato molto presto nella vita, il cervello può compensare riorganizzando le aree responsabili dell'elaborare le informazioni visive per migliorare il trattamento delle informazioni verbali ed uditive,„ Brinkman ha detto. “Questo evidenzia l'importanza di intervento e di ripristino iniziali per questi pazienti.„

Retinoblastoma è diagnosticato annualmente in circa 350 bambini negli Stati Uniti e 95 per cento dei pazienti sono più giovani di 5 anni in cui il loro tumore è identificato. Oggi, più di 95 per cento dei pazienti di retinoblastoma diventano superstiti a lungo termine. Ricerca precedente con i superstiti di retinoblastoma messi a fuoco sul funzionamento conoscitivo nell'infanzia. I risultati erano misti.

I 69 superstiti adulti in questo studio segnato nell'intervallo normale sulle misure di intelligenza verbale, di attenzione, della memoria, di funzionamento del dirigente e della loro abilità ad informazioni trattate. La loro prestazione era sopra la media per determinate mansioni, compreso ragionamento non verbale, ma sotto la media per il motore fine la destrezza ha avuto bisogno di bene per le mansioni come scrittura.

Settanta per cento dei superstiti hanno vissuto indipendente e 62 per cento erano sposati o viventi come coppie sposate. Cinquantotto per cento avevano completato l'istituto universitario. Tre quarti dei superstiti ha funzionato a tempo pieno, ma più dell'utile riferito metà meno di $20.000 annualmente.

L'età alla diagnosi era un preannunciatore più potente di funzionamento conoscitivo adulto che se i superstiti hanno sviluppato i tumori in un o entrambe l'occhio. I superstiti di cui il retinoblastoma è stato identificato dai loro primi compleanni ha segnato meglio su quasi tutte le misure di funzionamento verbale che hanno fatto superstiti diagnosticati più successivamente. La diagnosi durante il primo anno di vita è stata associata significativamente con la prestazione migliore sulle prove della memoria verbale a breve e a lungo termine, dell'apprendimento verbale e dell'intelligenza verbale.

Mentre la ricerca supplementare è necessaria capire i risultati, Brinkman ed i suoi colleghi hanno notato che i risultati sono coerenti con altri rapporti che il sistema nervoso centrale di sviluppo può compensare la perdita iniziale della visione.

I pazienti diagnosticati come infanti sono egualmente più probabili avere tumori in entrambi gli occhi che i bambini di cui il cancro è identificato più successivamente, hanno detto il co-author Rachel Brennan, M.D., un membro di aiuto del dipartimento della st Jude dell'oncologia. “Questi bambini iniziano il ripristino ed altri interventi molto presto nella vita che stimolano lo sviluppo sensitivo e l'apprendimento compensare il danno visivo possibile,„ ha detto.

I partecipanti di studio erano in media 33 anni e a 31 anno dalle loro diagnosi di retinoblastoma. Tutti sono stati iscritti allo studio di gruppo di vita della st Jude (VITA della st Jude), che porta i superstiti curati alla st Jude come bambini di nuovo all'ospedale per parecchi giorni di estesa prova. La VITA della st Jude è uno studio in corso destinato per capire meglio le cause e la severità delle sfide che pongono ai superstiti del cancro di infanzia poichè invecchiano.

L'intero irradiamento del cervello egualmente è affiorato come fattore di rischio per il rendimento insufficiente sulle misure della memoria verbale a breve e a lungo termine, anche fra i superstiti di cui il funzionamento conoscitivo globale ha fatto parte dell'intervallo normale. Poiché pochi superstiti che hanno sviluppato il retinoblastoma in un singolo occhio sono stati curati con radiazione, i ricercatori hanno analizzato l'impatto del trattamento sui 24 superstiti che hanno avuti tumori in entrambi gli occhi ed hanno scomposto l'età in fattori del ricoverato alla diagnosi. Grazie ai regimi novelli della chemioterapia ed alla terapia focale aggressiva quale terapia laser o cryotherapy, Brennan hanno detto che meno di 3 per cento dei pazienti di retinoblastoma alla st Jude ora ricevono la radiazione per salvare un occhio.

Una volta chiesta di valutare il loro propri conoscitivo e comportamento che funzionano, superstiti era all'interno dell'intervallo normale per la maggior parte delle misure. Ma i superstiti erano sensibilmente più probabili degli adulti degli Stati Uniti di simile età ai problemi di rapporto con la memoria di lavoro o nel completamento delle mansioni.