Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori trovano il collegamento fra la carenza di vitamina D ed il disordine affettivo stagionale

La carenza di vitamina D non è solo nociva alla salute fisica--anche potrebbe urtare la salute mentale, secondo un gruppo dei ricercatori che ha trovato un collegamento fra disordine affettivo stagionale, o TRISTE e una mancanza di luce solare.

“Piuttosto che essendo uno di molti fattori, vitamina D potrebbe avere un ruolo regolativo nello sviluppo di TRISTE,„ ha detto Alan Stewart dell'università di istituto universitario della Georgia di formazione.

Un'associazione internazionale della ricerca fra UGA, l'università di Pittsburgh e l'università tecnologica del Queensland in Australia ha riferito l'individuazione nell'emissione del novembre 2014 delle ipotesi mediche del giornale.

Stewart e Michael Kimlin dal banco di QUT della salute pubblica e del lavoro sociale hanno effettuato un esame di più di 100 articoli principali ed hanno trovato una relazione fra la vitamina D e la depressione stagionale.

“Il disordine affettivo stagionale è creduto per pregiudicare fino a 10 per cento della popolazione, secondo posizione geografica ed è un tipo di depressione relativo ai cambiamenti nella stagione,„ ha detto Stewart, un professore associato nel dipartimento di consiglio ed i servizi umani dello sviluppo.

“La gente con TRISTE ha gli stessi sintomi ogni anno, cominciante nella caduta e continuante con i periodi invernali.„

Stewart ha detto, in base alle indagini del gruppo, la vitamina D era probabile essere un fattore di contributo nella depressione stagionale.

“Crediamo che ci siano parecchie ragioni per questa, compreso il quel livelli di vitamina D oscillano secondo la stagione nell'organismo, nella relazione diretta a luce solare secondo la stagione disponibile,„ ha detto. “Per esempio, gli studi mostrano che c'è un ritardo di circa otto settimane fra il picco nell'intensità di radiazione ultravioletta e l'inizio di TRISTE e questo correla con il tempo richiede affinchè la radiazione UV sia elaborato dall'ente nella vitamina D.

La vitamina D egualmente è compresa nella sintesi di serotonina e di dopamina all'interno del cervello, entrambi i prodotti chimici collegati alla depressione, secondo i ricercatori.

“La prova esiste che i bassi livelli di dopamina e di serotonina sono collegati alla depressione, quindi è logico che ci può essere una relazione fra i bassi livelli di vitamina D ed i sintomi depressivi,„ ha detto Kimlin, un professore del Queensland del Consiglio del Cancro della ricerca di prevenzione del cancro.

“Gli studi egualmente hanno trovato che i pazienti depressi hanno avuti comunemente livelli più bassi della vitamina D.„

I livelli di vitamina D hanno variato secondo la pigmentazione dell'interfaccia. La gente con dell'interfaccia i livelli più bassi scuri della registrazione spesso della vitamina D, secondo i ricercatori.

“Di conseguenza è suggerito che le persone con la maggior pigmentazione dell'interfaccia possano avvertire non solo gli elevati rischi della carenza di vitamina D, ma egualmente è al maggior rischio di psicologico e circostanze psichiatriche,„ ha detto.

Kimlin, che dirige la salubrità di QUT ed il centro nazionali del Consiglio di ricerca medica per eccellenza della ricerca in Sun e nella salubrità, ha detto che i livelli adeguati di vitamina D erano essenziali nella salubrità di mantenimento dell'osso, con la carenza che causa l'osteomalacia negli adulti e nel rachitismo in bambini. I livelli di vitamina D di più di 50 nanomoles per litro sono raccomandati dall'istituto degli Stati Uniti di medicina.

“Che cosa ora sappiamo è che ci sono forti indicazioni che mantenendo i livelli adeguati di vitamina D sia egualmente importante per la buona salute mentale,„ Kimlin hanno detto. “Alcuni minuti di esposizione alla luce solare ogni giorno dovrebbe essere abbastanza affinchè la maggior parte della gente mantenga uno stato adeguato di vitamina D.„

“Il Queensland è conosciuto come sunshine state in Australia ma quello non significa che tutto il Queenslanders ottiene abbastanza vitamina D,„ Kimlin ha detto. “Questa ricerca è di importanza internazionale perché dovunque viviate, i bassi livelli di vitamina D possono essere una preoccupazione di salubrità.„