Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova serie dell'istituto delle vittime di crimine esplora il traffico umano del sesso

Il traffico umano del sesso è sul piano nazionale un problema grave sia che internazionalmente e la formazione migliorata è necessaria da indirizzare i fattori di rischio per l'entrata nel commercio del sesso, le conseguenze di salute mentale e di fisico medica della vittimizzazione e risposte istituzionali alle vittime, secondo una nuova serie pubblicata dall'istituto delle vittime di crimine alla Sam Houston State University.

“Traffico umano del sesso: Una generalità„ da Lindsay Ashworth e da Cortney Franklin, Ph.D., riferisce che i preventivi su prevalenza delle vittime di traffico del sesso sono difficili da stabilire dovuto la natura nascosta di questa popolazione. Il ministero degli Stati Uniti dei servizi sanitari e sociali ha stimato che 600.000 ad 800,000 persone fossero trafficati annualmente attraverso il globo, con 70 per cento delle persone forzate nel commercio del sesso internazionalmente. Nel 2004, il dipartimento di stato ha suggerito che 14.500 a 17,500 persone fossero introdotti annualmente negli Stati Uniti dai paesi quali l'Ucraina, la Tailandia, le Filippine ed il Messico per prostituzione forzata.

Più ulteriormente, all'interno dei confini degli Stati Uniti, ci sono circa 100.000 bambini che sessualmente sono sfruttati da prostituzione forzata. L'età media dell'entrata nel commercio del sesso per questi bambini è fra 12 e 14. Una volta che questi bambini raggiungono l'età adulta, affrontano molte barriere ad uscire “della vita,„ compreso la violenza ed il controllo dai mercanti, le opzioni limitate per le percezioni di lavoro e negative pagate della gente che prostituted e le emissioni di salubrità mentale e fisica.

“Questa è un'emissione di salute pubblica significativa che pregiudica principalmente le ragazze e le donne della nostra nazione,„ ha detto Franklin, editore di ospite sulla serie di traffico umana. “Il trauma e la vittimizzazione che deriva da questo sfruttamento profondo ha conseguenze negative ed ampie. I fornitori di servizio sociale e della giustizia penale possono aiutare, ma la maggior parte della gente non è semplicemente informata della grandezza del problema, o quello accade in Stati Uniti.„

“Questa è un'opportunità di sollevare la consapevolezza con formazione e facilitare dialogo fra gli studenti, facoltà, consegnatari della comunità, responsabili politici ed il grande pubblico,„ Franklin ha aggiunto. “Abbiamo la capacità di attirare l'attenzione tanto necessaria sul problema e sul fuoco sugli esecutori responsabili dell'acquisto e della vendita delle ragazze e delle donne.„

I fattori di rischio più comuni per la partecipazione alla prostituzione forzata concentrano sulla vulnerabilità e comprendono l'abuso sessuale e fisico della gioventù, di disfunzione della famiglia, del bambino, negligenza di bambino e l'essere senza tetto. Le emissioni di salute mentale, quale la depressione, ansia, disturbo borderline di personalità e dissociazione come pure uso cronico della droga e fuggiree, egualmente migliorano la probabilità che preda potenziale di caduta delle vittime alle strategie che i mercanti usano per attirare la gioventù nel commercio.

Le vittime di traffico del sesso sono ad un elevato rischio che la popolazione in genere per le malattie fisiche e mentali. Questi comprendono le lesioni dal fisico medica e aggressioni sessuali, malattie sessualmente trasmesse, uso ed abuso della sostanza ed emissioni di salute mentale. La ricerca indica che 70 - 95 per cento delle vittime sono assaliti fisicamente; 88 per cento sono conforme ad abuso verbale; e un rapporto di 60 - 75 per cento che è colza dai mercanti o dai compratori. Più ulteriormente, altrettanto come 100 per cento delle vittime di traffico umane rispondono ai criteri per un certo tipo di malattia mentale, compreso 68 per cento con gli elementi qualitativi di disordine post - traumatico di sforzo.