Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia mirata a con i prodotti radiofarmaceutici ha grande potenziale per trattamento del cancro

Il nuovo studio mostra la promessa per la terapia mirata a con i prodotti radiofarmaceutici

La terapia del Cancro può essere molto più efficace facendo uso di nuovo modo personalizzare il trattamento nucleare della medicina, i ricercatori dicono nell'edizione del dicembre 2014 del giornale di medicina nucleare. Il trattamento potrebbe anche essere utile per altre malattie che potrebbero trarre giovamento da radiazione mirata a.

Terapia mirata a con i prodotti radiofarmaceutici--composti radioattivi utilizzati nella medicina nucleare per la diagnosi o il trattamento--ha grande potenziale per il trattamento di cancro, particolarmente per le cellule tumorali che hanno migrato dai tumori primari ai linfonodi e dagli organi secondari quale il midollo osseo. Queste celle diffuse del tumore possono essere difficili da trattare con un singolo agente d'ottimizzazione perché ci sono differenze drammatiche nel numero dei ricevitori orientabili su un bersaglio su ogni cella.

Nello studio, le celle di cancro al seno sono state curate con differenti concentrazioni di cocktail di quattro fluorocromo-hanno coniugato gli anticorpi monoclonali. La quantità di ogni anticorpo limitato ad ogni cella era risoluta facendo uso di citometria a flusso. Le formule sono state sviluppate “per armare„ gli anticorpi con il radionuclide e l'attività desiderati, per calcolare la dose assorbita ad ogni cella e per realizzare una simulazione della frazione della sopravvivenza delle celle dopo l'esposizione ai cocktail delle combinazioni differenti dell'anticorpo. Le simulazioni sono state realizzate per tre emettitori dell'elione.

“La nostra pianificazione di trattamento radioattivo di movimenti di approccio per la terapia del cancro dal livello del tumore al livello molecolare e cellulare, con il servizio nucleare della medicina come il motore di trattamento,„ ha indicato Roger Howell, il Ph.D., ricercatore del cavo. “I concetti non si limitano alla terapia del cancro ma possono applicarsi più ampiamente ad altre malattie che possono trarre giovamento da un approccio mirato a con i cocktail dei prodotti radiofarmaceutici. L'approccio può anche essere estendere ai cocktail che consistono dei prodotti radiofarmaceutici e degli agenti non radioattivi.„

L'effetto dei cocktail radiofarmaceutici è stato confrontato a quello di singoli anticorpi. In determinate attività, i cocktail hanno superato i singoli anticorpi da un fattore di fino a 244. Questi risultati suggeriscono che l'alfa terapia mirata a possa essere migliorata con i cocktail radioattivi su misura dell'anticorpo. Secondo la combinazione dell'anticorpo e l'attività specifica degli anticorpi radioattivi, i cocktail possono fornire un vantaggio sostanziale nell'uccisione delle cellule del tumore. La metodologia utilizzata in questa analisi fornisce le fondamenta per la previsione di pretrattamento della sopravvivenza delle cellule del tumore nel contesto della terapia personale del cancro.

“Questo metodo è, poichè rappresenta il comportamento delle droghe nell'organismo del paziente,„ Howell preferibile continua. “La bellezza di qualsiasi approccio per la pianificazione del trattamento è che il paziente non è sottoposto ad alcune iniezioni radiofarmaceutiche durante la fase di progettazione, che usa soltanto le droghe fluorescente-contrassegnate. Il paziente non è iniettato con i prodotti radiofarmaceutici fino alla fase del trattamento, al che soltanto un cocktail specificamente ottimizzato per quello determinato è amministrato. Ciò risparmia il paziente dalla ricezione dei cocktail inefficaci che possono danneggiare i tessuti normali ed impedire ulteriore trattamento.„