Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Carboplatino e il paclitaxel mostrano la promessa per carcinoma timico avanzato

Da Gray di Afsaneh, Reporter dei medwireNews

Uno studio multicentrico, lo studio di fase II del carboplatino e il paclitaxel (CbP) nei pazienti della chemioterapia-naïve con carcinoma timico avanzato ha indicato che il trattamento ha efficacia di promessa rispetto alla chemioterapia basata a antraciclina standard.

Il carcinoma Timico è molto raro e conseguentemente è duro studiarlo esclusivamente dal thymoma. Gli studi Precedenti che valutano i regimi della chemioterapia hanno incluso i pazienti con entrambi i tipi di tumori, spiegano Takashi Seto (Centro di Cancro di Kyushu Nazionale, Fukuoka, il Giappone) e colleghi.

Quaranta pazienti da 21 centro attraverso il Giappone sono stati iscritti da maggio 2008 allo studio corrente fino a novembre 2010. Un paziente successivamente ritirato. La dimensione del campione è stata decisa sulla base che era abbastanza grande rifiutare il punto finale primario di un tasso di risposta obiettivo (ORR) di 20%.

I punti finali Secondari hanno compreso la sopravvivenza globale, la sopravvivenza senza progressione e la sicurezza.

Un comitato di revisione patologico indipendente ha determinato il tipo istologico dei tumori pazienti, compreso nove carcinoma di cellule squamose, 11 carcinoma neuroendocrino male differenziato, un carcinoma basaloid e 14 che sono stati classificati come “specificato non altrimenti„.

I pazienti hanno ricevuto il paclitaxel (200 mg/m)2 hanno seguito dal carboplatino (dose equivalente ad area sotto la curva di sei) ogni 3 settimane per un massimo di sei cicli.

Il gruppo riferisce che quel un paziente ha avvertito una risposta completa al trattamento, mentre tredici hanno avuti risposte parziali, rendente un ORR di 36%. Ventitre pazienti hanno avuti malattia stabile e due hanno avuti progressione di malattia.

La sopravvivenza senza progressione Mediana era di 7,5 mesi ed i tassi di sopravvivenza globali a 1 e 2 anni erano 85% e 71%, rispettivamente.

Ottantasette per cento dei pazienti hanno avvertito i gradi 3 - la neutropenia 4. la neuropatia sensitiva del Tutto Grado era egualmente alta a 87%, ma soltanto 5,1% dei pazienti hanno sviluppato i gradi 3 - la neuropatia 4.

I problemi cardiovascolari Non severi sono stati osservati, contrariamente ai regimi basati a antraciclina, che sono conosciuti per essere associati con infarto congestivo e non c'erano morti in relazione con il trattamento.

I ricercatori scrivono negli Annali dell'Oncologia: “In questa prova, CbP ha mostrato un'più alta efficacia con un ORR di 36% e un tasso di sopravvivenza di un anno di 85% per avanzato [carcinoma timico] rispetto a quelle dagli studi precedenti.„

Concludono: “I Nostri risultati hanno stabilito quel CbP, uno dei trattamenti standard per il non piccolo cancro polmonare delle cellule, potrebbero essere un'opzione come regime della chemioterapia per [carcinoma timico].„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.