Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori trovano che meccanismo quello piombo alla resistenza alla terapia mirata a nei pazienti del melanoma

I ricercatori del Centro del Cancro di Moffitt hanno scoperto che un meccanismo quello piombo alla resistenza alla terapia mirata a nei pazienti del melanoma e sta studiando le strategie per neutralizzarlo. La terapia biologica Mirata A può diminuire la tossicità e migliorare che i risultati per molti malati di cancro, una volta confrontata agli effetti contrari delle droghe chemioterapeutiche standard. Tuttavia, i pazienti sviluppano spesso la resistenza a queste terapie mirate a, con conseguente celle più aggressive che possono spargersi ad altri siti o causare la ricrescita dei tumori primari.

B-RAF è una proteina che è subita una mutazione frequentemente nei cancri umani, piombo alla crescita, alla sopravvivenza ed alla migrazione aumentate delle cellule del tumore. Le Droghe che mirano aB-RAF o ad un'altra proteina nella stessa rete chiamata MEK hanno provato efficace nei test clinici. Parecchio B-RAF e gli inibitori di MEK sono stati approvati con la combinazione di B-RAF e di inibitore di MEK che sono il livello di cura corrente per i pazienti con il melanoma del mutante B-RAF. Molti pazienti diventano Tuttavia col passare del tempo resistenti terapia all'inibitore di B-Raf/MEK e di B-RAF.

I ricercatori di Moffitt hanno trovato che i pazienti che sono sulle droghe dell'inibitore B-RAF sviluppano le metastasi più nuove che i pazienti che sono sulla chemioterapia standard. I ricercatori hanno voluto determinare come questa resistenza acquistata si sviluppa per inventare le migliori opzioni del trattamento per i pazienti. Hanno trovato che le celle del melanoma che sono resistenti agli inibitori B-RAF tendono ad essere più aggressive e dilaganti, quindi permettendo che il tumore si sparga ad un nuovo sito dell'organo. Hanno usato un grande approccio della selezione ed hanno scoperto che questi resistenza e comportamento aggressivo erano dovuto ad alta attività di una superficie EphA2 chiamato proteina delle cellule, che egualmente è trovata sulle cellule staminali di glioblastoma.

Il Loro studio ha trovato che quello semplicemente ritirare le droghe dell'inibitore di MEK o di B-RAF ha invertito il comportamento aggressivo delle cellule. “Questo suggerisce che quella dose alterna che programma dove B-RAF e gli inibitori di MEK sono dati intermittentemente ai pazienti può diminuire l'aggressività dei pazienti di significato di malattia… potrebbe restare sulla terapia per più tempo,„ ha detto Keiran S. Smalley, il Ph.D., Direttore scientifico del Centro di Eccellenza della Ricerca del Melanoma di Donald A. Adam Comprehensive a Moffitt.

La ricerca egualmente ha mostrato che quello mirare a EphA2 ha diminuito il comportamento aggressivo delle celle del melanoma. Ciò suggerisce che droga quell'obiettivo EphA2 possa impedire lo sviluppo di nuova malattia in pazienti che ricevono terapia dell'inibitore di B-RAF e di B-RAF /MEK.

Centro del Cancro di Moffitt di SORGENTE