Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Neuroptis riferisce i risultati positivi dalla prova preclinica ML7 per il trattamento della sindrome dell'occhio asciutto

Neuroptis sta guardando per stabilire le associazioni industriali e finanziarie per cominciare le prove umane

Neuroptis, una società specializzata nello sviluppo delle droghe per trattare i disturbi della vista, oggi annuncia i risultati positivi da una seconda prova animale del suo collirio conservante conservante ML7. ML7 è inteso per uso nel trattamento delle malattie della superficie dell'occhio, specialmente sindrome dell'occhio asciutto.

Entrambe le prove animali hanno dimostrato la tolleranza locale eccellente e l'assorbimento sistematico molto basso. Nella prima prova condotta in ratti dal Pharma del diaframma, seguente i sette giorni del trattamento il collirio ML7 erano statisticamente più efficaci del placebo.

La seconda prova, condotta con l'ASS.COMM. del fiume Charles a Boston, mA, conigli implicati che mostrano infiammazione significativa della cornea. Nel gruppo curato con il collirio ML7, le ghiandole tarsali (o meibomian) sono state vedute per ritornare al normale, senza ulteriore infiammazione o la dilatazione e un effetto protettivo sono stati osservati. Ciò è la prima volta che tali risultati sono stati veduti.

Per lanciare i test clinici la società comincerà la produzione dei batch clinici attraverso un subappaltatore e presenterà le domande per approvazione dai comitati (EMA) pazienti della protezione del locale e dell'Agenzia europea per i medicinali.

I risultati per le ghiandole tarsali (o meibomian) saranno pubblicati nel 2015 nel giornale medico IOVS (oftalmologia investigativa e scienza visiva).

“Questi risultati hanno superato le nostre aspettative. Il rendimento al normale delle ghiandole tarsali indica che il collirio ML7 diminuisce significativamente l'infiammazione della superficie dell'occhio e delle sue strutture associate. Abbiamo presentato una richiesta di brevetto per questo meccanismo di atto. Il collirio ML7 contribuisce a riparare una pellicola mentre impedendo gli strappi l'evaporazione troppo rapidamente,„ ha detto il Dott. Eric Belot, CEO dello strappo di qualità di Neuroptis.