La terapia A Lungo Termine di TDF offre la soppressione continua di HBV senza resistenza

Dal Pifferaio di Lucy, Reporter Senior dei medwireNews

I Pazienti con l'infezione cronica (HBV) del virus dell'epatite B possono raggiungere la soppressione virale continua con il trattamento a lungo termine del fumarate del disoproxil (TDF) del tenofovir senza resistenza di sviluppo, mostra uno studio di sette anni.

Per 437 pazienti che hanno catturato TDF per 7 anni, soppressione virale mantenuta 99,3%, ad un livello del DNA di HBV inferiore a 69 IU/mL, senza resistenza alla droga individuata.

“La mancanza di resistenza a TDF dopo che l'esposizione prolungata direzione„, dice i ricercatori di studio, che osservano che altri analoghi di ido di nucleos (t) hanno tassi alti di resistenza, con le tariffe di cinque anni che variano da 20% per il trattamento del dipivoxil (ADV) del adefovir a 65% per il trattamento di lamivudina.

Lo studio corrente ha fatto partecipare pricipalmente i pazienti del trattamento-naïve, ma ci sono rapporti precedenti di una mancanza di resistenza con TDF con 2,0 e 3,5 anni in lamivudina ed in pazienti Adv-resistenti.

“L'assenza di resistenza virale a TDF porta le implicazioni importanti per i risultati clinici, perché i pazienti senza sviluppo della resistenza possono avere un più a basso rischio della progressione di affezione epatica„, osservazioni il gruppo, piombo da Maria Buti (d'Hebron di Generale Universitari Vall dell'Ospedale e Centro di Ricerca Biomedico Di Reti, da Barcellona, dalla Spagna).

La tariffa virale di soppressione 99,3% dopo 7 anni di trattamento di TDF è stata veduta in e-antigene di epatite B pazienti positivi (99,4%) e HBeAg-negativi (di HBeAg) - (99,3%).

La normalizzazione dell'amminotransferasi di Sieroalanina è stata raggiunta da 80% dei pazienti che hanno avuti livelli anormali al riferimento, compreso 74,2% di HBeAg-positivo e 83,5% dei pazienti HBeAg-negativi. Fra coloro che non ha raggiunto la normalizzazione dell'amminotransferasi dell'alanina, i livelli mediani raggiunti erano 51 U/L e 49 U/L, rispettivamente.

La perdita di HBeAg è stata veduta in 54,5% di 154 pazienti HBeAg-positivi dopo 7 anni di trattamento di TDF e di sieroconversione con esperienza di 39,6% HBeAg. I ricercatori egualmente notano che 11,8% dei pazienti HBeAg-positivi hanno avuti perdita dell's-antigene di epatite B, che è coerente con le tariffe riferite per altri agenti antivirali.

Il trattamento di TDF ben-è stato tollerato durante il periodo di sette anni, con gli eventi avversi relazionati con la droga dei gradi 3 - 4 rari, gli eventi avversi renali rari e generalmente delicati ed era corretto con modifica della dose e nessuna prova di perdita dell'osso in 3 anni di valutazione.

“Seguito di sette anni del ur [O] è il primo [epatite cronica B] studio per indicare che l'uso a lungo termine di una monoterapia orale dell'agente-TDF di ido di nucleos (t) per HBV cronico infezione-è capace di sopprimere la replicazione virale senza sviluppo della resistenza e bene è tollerato„, i ricercatori conclude nelle Malattie Digestive e nelle Scienze.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.