Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il miglioramento dell'attività prefrontale della corteccia ha potuto aiutare la gente autistica a regolamentare le emozioni

Tantra, irritabilità, auto-lesione, depressione, ansia. Questi sintomi sono associati con autismo, ma non sono considerati sintomi di memoria del disordine. I ricercatori dalla scuola di medicina di UNC stanno sfidando questa asserzione. Hanno usato la risonanza magnetica funzionale per indicare che - quando si tratta della capacità di regolamentare le emozioni - l'attività di cervello in gente autistica è significativamente differente che l'attività di cervello nella gente senza autismo.

I risultati, pubblicati oggi online nel giornale di disordine inerente allo sviluppo di autismo come componente di un numero speciale sul regolamento di emozione, suggeriscono che quello migliorare l'attività prefrontale della corteccia potrebbe direttamente aiutare la gente autistica a regolamentare le loro emozioni ed a migliorare i sintomi seri connessi con il disordine, che pregiudica milioni di persone negli Stati Uniti.

La scoperta indica che “i sintomi di regolamento di emozione„ hanno una spiegazione biologica che può essere visualizzata facendo uso di fMRI. I sintomi non sembrano soltanto essere associati con o un risultato dei sintomi di autismo di memoria, che comprendono i comportamenti ripetitivi, problemi di comunicazioni verbali e non verbali, le difficoltà con le interazioni sociali ed altre emissioni conoscitive.

Gabriel Dichter, PhD, professore associato della psichiatria e della psicologia ed autore senior del documento, ha detto, “questa ricerca aggiunge a di crescente consapevolezza che sebbene l'autismo sia diagnosticato in base a danno sociale ed a comportamenti ripetitivi, l'importanza del regolamento di emozione e tutto i comportamenti che vengono con - depressione, tantra, fusioni, irritabilità - sono molto reali e dovrebbero essere un fuoco dei servizi clinici.„

“Tutto il genitore di un bambino con autismo conosce che questi sintomi possono essere dominanti,„ Dichter aggiunto, che è un membro dell'istituto della Carolina per le inabilità inerenti allo sviluppo. “I bambini con autismo mancano spesso della capacità di fare fronte alle situazioni emozionali difficili che provocano le fusioni ed il tantra.„

Ci sono soltanto due farmaci approvati dalla FDA per trattare l'autismo e nessuno dei due ossequio svuota i sintomi; tratta i tassi alti di irritabilità e di aggressione. “Abbiamo conosciuto per un po'che dobbiamo prestare attenzione al regolamento di emozione nella gente con autismo,„ Dichter abbiamo detto, “ma pensiamo che questi dati suggeriscano una base neurale per questi problemi e che aggiungiamo il credito alla loro ubiquità come funzionalità di memoria del disordine.„

L'istituto della Carolina per le inabilità inerenti allo sviluppo, diretto da Joseph Piven, MD, è il programma dell'ombrello per la ricerca ad UNC, che di autismo si sono allineati in secondo luogo mondiali per il numero degli articoli scientifici in relazione con l'autismo pubblicati nel 2012, l'ultima volta che un'agenzia intergovernativa ha pubblicato il posto.

L'istituto ha una registrazione di più di 5.000 famiglie con i membri che sono stati diagnosticati con autismo.

Per questo studio, il gruppo di Dichter ha reclutato 15 comandi e 15 giovani adulti, invecchiano 18 - 30, con autismo. Poiché è ben documentato che la gente con autismo ha spesso difficoltà regolamentare le loro emozioni, il gruppo di Dichter ha passato 45 minuti con ogni partecipante per insegnare loro come cambiare la loro percezione di uno stimolo emozionale prima che entrassero nello scanner di MRI.

Durante lo studio, mentre nello scanner del fMRI, ogni partecipante ha osservato una serie di maschere dei visi umani senza l'espressione. Parzialmente through osservando ogni maschera, i partecipanti sono stati chiesti di generare i pensieri positivi circa la maschera, o generi i pensieri negativi, o lasci la loro risposta emozionale immutata.

I ricercatori anche usati occhio-tenendo la carreggiata i metodi per assicurare tutti i partecipanti hanno osservato continuamente la maschera e per misurare all'alta risoluzione la dimensione degli allievi di ogni partecipante. Ha saputo che gli allievi dilatano quando la gente esercita lo sforzo conoscitivo, come la prova di richiamare qualcuno nome o prova di cambiare una risposta emozionale alla situazione.

Questi metodi, con la auto-segnalazione dai partecipanti, hanno creato i controlli e contrappesi che hanno assicurato l'accuratezza dei dati che si sono raccolti dalle scansioni di cervello.

Hanno trovato che nel gruppo di controllo, la corteccia prefrontale lavorata duro per modulare la risposta emozionale che è provenuto dal sistema limbico - una parte evolutionarily vecchia del cervello connesso con le emozioni ed i bisogni di base. Ciò ha confermato che cosa l'altra ricerca aveva indicato.

Le scansioni di cervello della gente con autismo erano differenti. “La corteccia prefrontale non è venuto online nella stessa misura,„ Dichter ha detto. “Era come se la regione del cervello che è necessaria lavorare duro per regolamentare le risposte emozionali non potrebbe attivare allo stesso grado come ha fatto nella gente senza autismo. Questa attivazione limitata della corteccia prefrontale, secondo le aspettative, ha provocato meno modulazione delle regioni limbiche.„

I dati dell'allievo hanno suggerito che i partecipanti lavorassero duro per soddisfare le condizioni dello studio. Hanno cambiato le loro risposte emozionali alla maschera. Ma le loro scansioni di cervello suggeriscono che la gente con autismo non abbia utilizzato la loro corteccia prefrontale nella stessa misura della gente senza autismo.

Quindi, una volta affrontata alle situazioni emozionali, la gente con autismo non utilizza le loro cortecce prefrontali per regolamentare le emozioni nella stessa misura della gente senza autismo. Ciò a sua volta può piombo al “ha associato i sintomi,„ quali ansia, tantra ed irritabilità, che può essere dominante.

Il gruppo di Dichter egualmente ha trovato una correlazione fra il livello di attività di cervello nella corteccia prefrontale e la severità dell'autismo di una persona. “C'sembra essere un'associazione fra la capacità di portare queste regioni del cervello online come stato necessario durante le situazioni emozionali e la severità dei sintomi dell'autismo di una persona,„ Dichter ha detto.

Dopo, Dichter vuole intraprendere i simili studi con i bambini. “Studiare i bambini con autismo ci aiuta a prendere in giro a parte gli effetti di avere autismo dalle influenze di vivere con l'autismo per anni come un adolescente ed adulto.„

La ricerca futura di intervento basata su questi risultati ha potuto usare le tecniche conoscitive di comportamento per migliorare le capacità di regolamento di emozione per la gente con le tecniche di stimolo del cervello o di autismo di migliorare l'attività nella corteccia prefrontale durante il regolamento di emozione.

Source:

UNC School of Medicine