Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio suggerisce che i vapori della e-sigaretta possano danneggiare i polmoni

Le sigarette elettroniche aiutano la gente a terminare fumare? Mentre il dibattito continua su quel punto, una nuova università di studio di Rochester suggerisce che le e-sigarette siano probabili una sostituzione tossica per i prodotti del tabacco.

Le emissioni dagli aerosol e dai condimenti della e-sigaretta danneggiano le celle del polmone creando i radicali liberi nocivi e l'infiammazione nel tessuto polmonare, secondo lo studio di UR pubblicato nel giornale PLOS UNO. Irfan Rahman, Ph.D., professore di medicina ambientale alla scuola di medicina ed all'odontoiatria di UR, piombo la ricerca, che aggiunge ad un organismo crescente dei dati scientifici che punti ai pericoli delle e-sigarette e di vaping.

La ricerca suggerisce che il danno cominci quando l'elemento riscaldante delle e-sigarette è attivato. L'elemento riscaldante è destinato per trasformare una soluzione liquida (conosciuta come un e-liquido o “un succo„) in un aerosol che imita il fumo della sigaretta. I vapori inalati contengono i metalli pesanti ed altri agenti cancerogeni possibili sotto forma di nanoparticelle - particolato minuscolo che può raggiungere più lontano nel tessuto polmonare, nei sistemi delle cellule e nella circolazione sanguigna.

Lo studio di Rahman egualmente indica che determinati e-succhi aromatizzati (specialmente cannella) creano più sforzo e tossicità sul tessuto polmonare. Ricercatori osservati in laboratorio che le celle umane del polmone esposte agli aerosol della e-sigaretta hanno rilasciato i vari biomarcatori di infiammazione. Mouse esposti alle e-sigarette con tabacco classico che condisce i segni anche dimostrati di infiammazione polmonare.

“Parecchi gruppi medici, organizzazioni e scienziati di piombo sono interessati circa la mancanza di restrizioni e regolamenti per le e-sigarette,„ Rahman ha detto. “La nostra ricerca afferma che le e-sigarette possono comportare i rischi sanitari significativi e dovrebbero essere studiate più a fondo. Sembra che ogni giorno un nuovo prodotto della e-sigaretta sia lanciato senza conoscere gli effetti sulla salute nocivi di questi prodotti.„

Il laboratorio di Rahman anche recentemente riferito nell'inquinamento ambientale del giornale che metalli tossici ed ossidanti dalle preoccupazioni di sicurezza di aumento delle e-sigarette come pure rischi potenziali di inquinamento dalle esposizioni di seconda mano e dall'eliminazione dei rifiuti della e-sigaretta. Un altro studio recente ha connesso i vapori della e-sigaretta ad un elevato rischio delle infezioni respiratorie in giovani.

L'istruzione unita in un 8 gennaio 2015 pubblicato, le due organizzazioni principali del cancro negli Stati Uniti - l'Associazione per la ricerca sul cancro americana e la società americana per oncologia clinica - ha detto che le e-sigarette dovrebbero essere conforme alle stesse restrizioni (FDA) di Food and Drug Administration del tabacco fino a conoscere più circa gli effetti sulla salute avversi possibili. I dati insufficienti egualmente esistono sul valore dello strumento per il fumo della cessazione.

La più grande preoccupazione è per il minorenne 18 degli utenti della e-sigaretta. Gli esperti in salubrità credono che le e-sigarette attirino alcuni giovani per cominciare fumare e lo rendano accettabili sotto il profilo sociale ancora. i condimenti del E-liquido hanno commercializzato ai capretti e gli anni dell'adolescenza includono la frutta, il dessert e la caramella e sono ampiamente - disponibili ai negozi di alimentari, stazioni di servizio ed online. I produttori lo contendono è un'alternativa più sicura alle sigarette ed i consumatori hanno spinto le vendite negli Stati Uniti oltre $1 miliardo.

Una tendenza conosciuta come “la sgocciolatura„ permette che gli utenti di e-cig gocciolino un e-liquido direttamente sull'elemento riscaldante della sigaretta invece di usando una camera riutilizzabile per tenere i e-liquidi. Il fumatore inala gli aerosol ed ottiene un più forte colpo, mentre però potendo più facilmente all'opzione fra i sapori, le marche o il contenuto del nicotina. Lo studio di UR ha trovato che gocciolare i e-liquidi o e-succhi per produrre i vapori probabilmente genera una più grande dose delle tossine ai polmoni.

Lo studio di Rahman nota che i produttori non rivelano tipicamente tutti i materiali e prodotti chimici usati per produrre le e-sigarette e i e-succhi. Senza quegli informazioni o studi a lungo termine di uso, i consumatori hanno informazioni limitate sui pericoli potenziali per le sanità e l'ambiente, ha detto.

Source:

University of Rochester Medical Center