Il nuovo studio indica che quello malaria-causare il parassita è improbabile da attraversare dagli animali agli esseri umani

Negli ultimi anni, gli esperti in salute pubblica sempre più hanno esplorato l'idea di eliminazione del parassita malaria-causante più pericoloso. Ma hanno dubitato che liberarsi questo specie, chiamate falciparum di Plasmodium, permettesse che altre specie del parassita saltino semplicemente nello spazio vuoto e che comincerebbe infettare gli esseri umani con malaria.

Ora, un nuovo studio piombo da un ricercatore alla scuola di medicina dell'università del Maryland indica che è molto improbabile che specie del plasmodio che infettano altri animali--quali le scimmie, gli uccelli ed i rettili--attraverserebbe facilmente agli esseri umani. Facendo uso di analisi genetica specializzata, Joana C. Silva, PhD, prova trovata che indica che altre cinque specie comuni del plasmodio non hanno cambiato quali animali infettano per almeno 3 milione anni.

La malaria è una causa principale della malattia e della morte nel mondo intero; ogni anno infetta oltre 200 milione di persone e causa più di mezzo milione morti. Nelle parti dell'Africa Subsahariana e di Asia del Sud, la malattia è comune e causa la sofferenza e le difficoltà enormi.

Il nuovo studio è stato pubblicato il mese scorso nella biologia molecolare e nell'evoluzione del giornale. Il Dott. Silva, un assistente universitario nel dipartimento di microbiologia e dell'immunologia ed all'istituto per le scienze del genoma al SOM di UM, era l'autore principale.

“Questa è una questione chiave - quanto probabilmente sono queste specie del parassita da saltare agli esseri umani?„ dice il Dott. Silva. “E secondo i nostri risultati, “la commutazione ospite„ dai parassiti malaria-causanti è per niente un evento comune, su una cronologia genealogica evolutiva.„

Più di 200 specie del plasmodio sono state identificate. Il falciparum del plasmodio è il più letale dei cinque che sono conosciuti per infettare gli esseri umani. I ricercatori stanno esaminando i nuovi approcci per diminuire o eliminare il falciparum del plasmodio sviluppando i vaccini contro di, per esempio, o spargendo un batterio che uccide le zanzare che lo portano. Ma alcuni scienziati hanno espresso la preoccupazione che il posto adatto ecologico dei falciparum del plasmodio potrebbe essere riempito rapidamente da altre specie del plasmodio.

Il Dott. Silva ed i suoi co-author ha esaminato le centinaia di geni sparsi attraverso cinque specie differenti di plasmodio. Il loro scopo era di scoprire quanto strettamente connesso i geni erano--in effetti, quanto tempo fa loro aveva diverso l'uno dall'altro. Se avessero separato recentemente, era più probabile che potrebbero saltare dall'infezione delle specie una ad un altro.

Per ottenere i loro risultati, il Dott. Silva ed i suoi colleghi hanno sviluppato un nuovo approccio statistico per determinare quando le specie del plasmodio hanno spaccato fuori l'uno dall'altro. Il nuovo metodo usa i dati molecolari da migliaia di geni; le tecniche correnti, al contrario, usano al massimo le sequenze dalle dozzine. Questo nuovo approccio è non solo più affidabile, ma anche più velocemente.

“Questa è la ricerca emozionante che ha implicazioni potenti di salute pubblica,„ ha detto decano E. Albert Reece, il MD, il PhD, MBA, che è egualmente il vice presidente per gli affari medici, università del Maryland ed il John Z. e professore di Akiko K. Bowers Distinguished e decano della scuola di medicina. “È particolarmente interessante vedere l'applicazione “di grandi dati„ e dell'analisi genetica sempre più che è usando per contribuire a risolvere i problemi sanitari più critici del mondo.„

Il gruppo di ricerca ha incluso gli scienziati e statistici dal centro nazionale per informazioni di biotecnologia agli istituti della sanità nazionali e la matematica applicata & le statistiche e programma scientifico all'università del Maryland, la sosta dell'istituto universitario (UMCP) di calcolo.

“Questa è un'integrazione emozionante di matematica e la genetica,„ ha detto David Harris, un ricercatore nella matematica applicata di UMCP & le statistiche ed il programma scientifico di calcolo, che hanno messo a punto i metodi statistici impiegati in questa ricerca. “È grande da potere da utilizzare la matematica in un modo che ha il potenziale di informare le decisioni politiche pratiche.„

Source:

University of Maryland School of Medicine