Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'UNICEF ed il UNAIDS vanno ` tutto in' per cessare l'epidemia di AIDS fra gli adolescenti

Mentre gli avanzamenti importanti sono stati fatti in quasi ogni area della risposta al HIV, il progresso per gli adolescenti sta cadendo dietro, guide nella risposta globale per cessare l'epidemia di AIDS ha detto. Le guide intorno al mondo si sono incontrate oggi a Nairobi, Kenya, in cui Presidente Uhuru Kenyatta ha lanciato la nuova piattaforma.

L'AIDS si è trasformato nella seconda causa della morte principale fra gli adolescenti globalmente. Appena uno in quattro bambini e gli adolescenti sotto l'età di 15 hanno accesso al trattamento del antiretroviral di salvataggio. Le morti stanno diminuendo in tutte le fasce d'età, eccetto fra 10-19 anni.

Le nuove infezioni HIV fra gli adolescenti non stanno diminuendo rapidamente quanto tra altre fasce d'età. Le ragazze adolescenti sono più commoventi. Nel Sudafrica, per esempio, più di 860 ragazze sono stato infettate con il HIV ogni settimana nel 2013, confrontato a 170 ragazzi.

Per indirizzare questa ingiustizia, il UNAIDS, l'UNICEF ed i partner hanno lanciato il ` tutto in', una nuova piattaforma affinchè l'atto determinino i migliori risultati per gli adolescenti dai cambiamenti strategici incoraggianti nella polizza e nell'aggancio dei giovani nello sforzo. Altri partner includono il FNUP, WHO, PEPFAR, il fondo globale per combattere l'AIDS, la tubercolosi e malaria, MTV che restano le fondamenta vive e movimenti giovanili rappresentati dal PATTO e dal Y.

“I bambini ed i giovani dovrebbero essere i primi da trarre giovamento dai progressi che abbiamo realizzato nella cessazione dell'epidemia, non duri,„ ha detto il direttore esecutivo Anthony Lake di UNICEF. “Dobbiamo raggiungere gli adolescenti che manchiamo ed impegnare tutti i giovani nello sforzo per cessare l'AIDS adolescente. Infatti, non possiamo raggiungere lo scopo di una generazione senza AIDS senza di loro.„

HIV e AIDS in Asia Pacific

Ciò è un'emissione stampante in East Asia e nel Pacifico. La Tailandia, per esempio, sta affrontando un nuovo aumento nei casi di STI e del HIV, particolarmente fra i giovani, con 70% di tutti sessualmente - casi trasmessi di infezioni (STI) che accadono nel gruppo d'età 15-24, suggerente che i messaggi del sesso più sicuro non stiano raggiungendo questo gruppo d'età.

Malgrado un calo graduale nella prevalenza globale del HIV in Tailandia, i nuovi dati pubblicati nel 2014 hanno mostrato che le infezioni sono aumentato fra i gruppi di giovani a rischio, vale a dire quelli addetti al lavoro del sesso, quelli che iniettano le droghe ed i giovani che hanno sesso non protetto agli uomini.

L'UNICEF Tailandia ha usato questi dati per parlare con governo circa ridurre l'età del consenso per i test HIV inferiore a 18, organizzare l'addestramento per gli ufficiali sanitari sul lavoro i giovani a rischio e l'ampliamento della formazione del HIV in banchi. Nel dicembre 2014, l'orientamento ufficiale sui test HIV è stato cambiato in conformità con la nostra raccomandazione.

Lavorando con i partner, l'UNICEF East Asia ed il Pacifico ha prodotto l'orientamento per i ricercatori su come ottenere i dati circa gli adolescenti a rischio ed i giovani, mentre garantiscono il loro anonimato. L'ufficio regionale ora sta lavorando ad una guida per aiutare le organizzazioni uso della gioventù e per capire i dati, nello stile di un libro di fumetti.

` Tutto in' a #EndAdolescentAIDS

` Tutto' nei fuochi su quattro aree di atto chiave: impegnando, mobilizzando ed autorizzando gli adolescenti come le guide ed attori di cambiamento sociale; miglioramento della raccolta di dati per informare meglio programmazione; approcci innovatori incoraggianti per raggiungere gli adolescenti con i servizi essenziali del HIV adattati ai loro bisogni; ed iscrivendo HIV adolescente saldamente alle agende politiche per stimolare azione concreta e per mobilizzare le risorse.

Il HIV è la causa della morte principale fra gli adolescenti in Africa e le giovani donne sono più commoventi. Ciò è un'ingiustizia morale. Sto rivolgendo ai giovani piombo il ` tutto' nel movimento, accanto alle nazioni unite, partner pubblici e privati ed i paesi stessi, cessare l'epidemia di AIDS adolescente, hanno detto Michel Sidibé, direttore esecutivo del UNAIDS.

La maggior parte dei 2,1 milione adolescenti che vivono con il HIV nel 2013 sono stato infettati almeno 10 anni fa, quando le loro madri erano incinte, durante la consegna o nei primi mesi di vita in un momento in cui le medicine del antiretroviral che possono notevolmente diminuire la possibilità della trasmissione del HIV non erano disponibili. Molti mai sono stati diagnosticati, non perso per continuare o abbattere dai programmi di cura e del trattamento.

Più di 200 giovani avvocati e guide dall'adolescente e dai movimenti giovanili erano presenti al lancio di ` tutto in'. Poiché lo stato del HIV di molti bambini è andato i 10 - 15 anni undiagnosed fa, ora stanno entrando nell'adolescenza ignara che stanno vivendo con il virus, con le opportunità limitate per rilevazione ed il rinvio del HIV ai programmi di trattamento.

Il ` tutto in' piattaforma per atto mira ad aumentare la partecipazione significativa degli adolescenti nei processi decisionali ed a rinforzare dai i movimenti sociali guidati da gioventù. La campagna egualmente identificherà le opportunità di includere le strategie adolescenti del HIV nei programmi adolescenti attuali di sviluppo e di salubrità. Inoltre, il ` tutto in' impegnerà i leader nazionali coordinare, supportare e piombo le valutazioni dei programmi attuali ed ampliare le associazioni per innovazione fra il pubblico ed i settori privati.

Il ` tutto in' mirerà a raggiungere gli adolescenti con i servizi del HIV progettati per i loro bisogni e realtà specifici ed a progresso abbreviato in un gruppo d'età critico ad avanzare gli sforzi globali per cessare l'epidemia di AIDS da ora al 2030.

I cinque anni futuri sono cruciali. Il UNAIDS ha prefigguto i nuovi obiettivi abbreviati da raggiungere da ora al 2020 per gli adolescenti che comprendono la diminuzione delle infezioni HIV nuove almeno da 75%, diminuendo le morti relazionate all'AIDS da 65% e raggiungendo la distinzione zero. Il raggiungimento degli obiettivi metterebbe il mondo sul cingolo verso la cessazione dell'AIDS adolescente da ora al 2030 e la cessazione dell'epidemia di AIDS globale come minaccia di salute pubblica.

 

Source:

Unicef