Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Facendo uso dell'IT le unità possono mettere i vostri muscoli e giunzioni nell'ambito di sforzo particolare

Le ore di spesa su un computer o sui lotti di invio dei messaggi di testo su un telefono cellulare possono provocare un collo rigido ed a volte anche un pollice sforzato. Gli informatici in Saarbrücken hanno elaborato una procedura che simula in un modo realistico che i muscoli e le giunzioni sono messi nell'ambito di sforzo particolare quando per mezzo delle unità dell'IT. Egualmente dimostra la velocità e l'accuratezza con cui un utente può fare funzionare un'unità.

I ricercatori montreranno il loro progetto dal 16 marzo al 20 marzo all'Expo del computer di CeBIT a Hannover (supporto E13, Corridoio 9).

Le spalle tese, lo sforzo del collo o una manopola dolorosa non sono rari fra coloro che passa i lungi periodi di tempo che lavorano ad un computer. Effettivamente, questo ordinamento del problema può anche sorgere quando usando i più nuovi tipi di unità dell'IT che sono comparso sul servizio nel corso degli ultimi anni. Per esempio, l'uso dei gesti gestire le consoli dei giochi può causare specialmente gli alti livelli dello sforzo alle spalle o alle ginocchia. I touch screen che richiedono agli utenti di tenere il loro braccio in una posizione estesa per i lungi periodi di tempo possono anche essere problematici - esperti si riferiscono a questo tipo specifico di fatica del muscolo come “braccio della gorilla„.

Per contribuire i progettisti ed i rivelatori di nuove unità dell'IT a considerare quei movimenti che creano lo sforzo corporeo inutile, il ricercatore laureato Myroslav Bachynskyi ed i suoi colleghi hanno sviluppato uno strumento che permette alla simulazione realistica dei movimenti dell'utente. “Il nostro approccio combina la cattura del movimento tridimensionale con simulazione biomeccanica,„ spiega Bachynskyi, uno studente di PhD al cluster di Saarbrücken di eccellenza ed il Max Planck Institute per l'informatica. Nella cattura del movimento ottica un soggetto che indossa un vestito speciale fornito di piccoli indicatori ottici esegue una sequenza particolare dei movimenti, come ondeggiamento delle sue armi per gestire un gioco di computer. Gli indicatori sul vestito emettono l'indicatore luminoso che è registrato dalle macchine fotografiche speciali. “Per effettuare la simulazione, usiamo il software per mappare questi movimenti su un modello del corpo umano,„ dice Bachynskyi.

Per fare luce sui caricamenti biomeccanici reali che agiscono sulle parti del corpo specifiche, il programma di simulazione calcola una serie di parametri chiave: gli angoli uniti, le forze agenti in qualunque momento sulle giunzioni durante il movimento come pure attivazione e fatica del muscolo. “Il modello permette che noi vediamo precisamente che la parte del corpo è sottoposta al più grande caricamento quando un movimento particolare è realizzato ed in modo da possiamo determinare se per esempio i muscoli del braccio o il gomito sono nell'ambito di sforzo particolare,„ spieghiamo Bachynskyi. “Il nostro metodo egualmente ci mostra quanto efficientemente, cioè, quanto un utente gestisce rapidamente ed esattamente un pezzo particolare di strumentazione dell'IT.„ Il metodo offre una possibilità per trovare una combinazione ottimale di prestazione dell'utente e di ergonomia fisica.

Uno dei casi studiati dai ricercatori era come gli utenti hanno interagito con un touch screen verticale fissato al muro. Hanno trovato che movimenti da sinistra a destra e dall'alto al basso messo meno sforzo sui muscoli che in avanti e sui movimenti a rovescio. Concludono che una tastiera virtuale è quindi il meglio posizionato nella parte centrale più bassa dello schermo.

I progettisti possono sfruttare questo nuovo metodo di analisi per migliorare l'interazione dell'utente con i loro prodotti. La metodologia è egualmente di interesse nella medicina del lavoro e nell'industria, dove può essere usata per migliorare la progettazione dei posti di lavoro nelle grandi installazioni produttive su ordinatore.

Source:

Saarland University