Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

le pubblicità della E-sigaretta possono attirare i fumatori correnti ed ex del tabacco da raggiungere per le sigarette

Le pubblicità di televisione per le e-sigarette possono attirare la corrente e perfino gli ex fumatori del tabacco per raggiungere per un'altra sigaretta.

Quella è l'individuazione dai ricercatori Erin K. Maloney, Ph.D. e da Joseph N. Cappella, Ph.D. dall'università di banco del Annenberg di Pensilvania per la comunicazione, come riportato nella comunicazione di salubrità del giornale (online, marzo 2015).

I ricercatori hanno studiato fumatori più di 800 quotidiani, intermittenti e ed ex che hanno guardato la pubblicità della e-sigaretta e che poi hanno fatto un'indagine per determinare gli stimoli, le intenzioni ed i comportamenti di fumo.

Facendo uso di una prova standard per misurare lo stimolo a fumare una sigaretta, la gente che fuma giornalmente le sigarette del tabacco e che hanno guardato le pubblicità della e-sigaretta con qualcuno che inala o che tiene una e-sigaretta (aka vaping) hanno mostrato un maggior stimolo a fumare che i fumatori regolari che non hanno veduto vaping. Gli ex fumatori che hanno guardato le pubblicità della e-sigaretta con vaping hanno avuti meno fiducia da che potrebbero astenersi dalle sigarette di fumo del tabacco che gli ex fumatori che vedono gli annunci della e-sigaretta senza vaping.

I risultati sono significativi, considerando che la pubblicità del tabacco sulla televisione sia andato in fumo oltre quattro decadi fa mediante un divieto federale. Inoltre, la pubblicità della e-sigaretta è rifornita dalle grandi società di tabacco. I preventivi fissano la spesa dell'annuncio della e-sigaretta a più di $1 miliardo questo anno. Quel numero si pensa che si sviluppi ad una tariffa di 50 per cento nel corso dei quattro anni futuri.

“Sappiamo che l'esposizione alle indicazioni di fumo quali i dipinti visivi delle sigarette, dei portaceneri, delle corrispondenze, degli accendini e del fumo intensifica lo stimolo dei fumatori a fumare una sigaretta e facciamo diminuire la fiducia degli ex fumatori nella loro capacità di astenerci da dal fumo della sigaretta,„ ha detto il Dott. Maloney. “Poiché molte marche della e-sigaretta che hanno un bilancio da annunciare sulla televisione sono visivamente simili alle sigarette del tabacco, abbiamo voluto vedere se i simili effetti possono essere attribuiti alla pubblicità della e-sigaretta.„

Maloney e Cappella hanno tirato insieme più delle pubblicità di dozzina e-sigarette via le ricerche di Google, di YouTube e dei siti Web della e-sigaretta. Hanno installato tre termini per i partecipanti - guardando le pubblicità, guardanti le pubblicità con soltanto l'audio (le rappresentazioni sono state sostituite facendo scorrere il testo della pubblicità), o semplicemente rispondendo ad una serie di media indipendenti usi le domande che hanno catturato approssimativamente lo stesso lasso di tempo che catturerebbe per osservare le pubblicità. I partecipanti erano “quotidiani,„ “intermittente,„ o “ex„ fumatori.

Maloney e Cappella hanno osservato una tendenza che i fumatori più quotidiani che hanno osservato annunci con vaping hanno fumato una sigaretta del tabacco durante l'esperimento che giornalmente i fumatori che hanno osservato gli annunci senza fumatori vaping e quotidiani che non hanno osservato gli annunci. Oltre 35 per cento dei fumatori quotidiani nella circostanza che ha mostrato vaping ha riferito avere una sigaretta del tabacco durante lo studio contro 22 per cento dei fumatori quotidiani che hanno veduto gli annunci senza vaping e circa 23 per cento dei fumatori quotidiani che non hanno veduto alcuna pubblicità.

“Dato l'elaborazione dell'introduzione sul mercato della sigaretta nel passato e dell'aumento esponenziale nella pubblicità dei dollari ha assegnato alla promozione della e-sigaretta durante l'anno scorso, dovrebbe essere preveduta che le pubblicità per questi prodotti creati dalle grandi società di tabacco massimizzino le indicazioni di fumo in loro pubblicità e se non essere regolamentata, le persone saranno esposte a molto più e-sigaretta che annuncia su base giornaliera,„ Maloney e Cappella ha scritto.

L'editore della comunicazione di salubrità, Teresa Thompson, il Ph.D., università di Dayton, ha commentato, “questi risultati sono particolarmente pertinenti alle discussioni in corso di polizza e di salubrità, poichè indicano che non è appena l'impatto di salubrità dei e-cigs e di vaping che devono essere considerati. La correlazione fra il tabagismo e le rappresentazioni di media “della e„ versioni esaminate in questo studio fa chiaramente quella rappresentazione degli atti che assomigliano appena al fumo hanno un effetto sui visualizzatori che fumano o hanno usato per fumare.„

Source:

University of Pennsylvania Annenberg School for Communication