Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Combinazione della previsione polmonare di ipertensione di aiuti di misure di CT

Da Eleonor McDermid, Reporter Senior dei medwireNews

La Ricerca suggerisce che quello combinare l'arteria polmonare (PA) e le misure ventricolari migliori le probabilità dell'identificazione dell'ipertensione polmonare (PH) in pazienti che subiscono l'angiografia polmonare di tomografia computerizzata (CTPA).

Onno Spruijt (Centro Medico del VU, Amsterdam, Paesi Bassi) ed i co-author di studio sollecitano che CTPA non è adatto come strumento primario della selezione per PH.

Ciò Nonostante, “CTPA è eseguito spesso presto nel trattamento diagnostico dei pazienti con la dispnea non spiegata„, essi scrive nel Giornale Internazionale della Rappresentazione Cardiovascolare.

“Combinarsi ventricolare e misure di PA fa diminuire la probabilità che la diagnosi di PH precapillary è mancata.„

I ricercatori hanno studiato 51 paziente precapillary di PH che hanno subito CTPA e la cateterizzazione del cuore destro alla valutazione del riferimento. Egualmente hanno incluso 25 pazienti di referenza che hanno subito entrambe le prove ma non hanno avuti prova di PH.

Un modello standard di CTPA, facendo uso del rapporto del diametro di PA al diametro dell'aorta ascendente (PA/AA), ha avuto buona accuratezza per la distinzione fra i pazienti con e senza PH, ad un'area nell'ambito della curva ROC di 0,901 (accuratezza 90,1%).

Tuttavia, aggiungere nel rapporto del diametro trasversale massimo del ventricolo destro a quella del ventricolo sinistro (RV/LV) ha migliorato l'accuratezza più ulteriormente, a più di 98%.

I ricercatori hanno valutato RV/LV come misurato su una visualizzazione assiale e come misurato su una visualizzazione manualmente ricostruita della quattro-camera. Non hanno trovato i simili vantaggi con entrambi i metodi e differenze statisticamente significative fra i due.

“Di Conseguenza, la determinazione del rapporto di RV/LV nella visualizzazione assiale sembra preferibile poichè non richiede una ricostruzione manuale dell'immagine„, essi dice.

Nelle analisi della curva di decisione, l'aggiunta del rapporto di RV/LV (visualizzazione assiale) ha fatto diminuire significativamente il numero dei casi erroneamente positivi senza aumentare il numero dei casi del falso negativo, vicino fra nove e 24 per 100 pazienti, secondo la probabilità del riferimento di PH.

I ricercatori hanno usato le probabilità basse del riferimento, variando da 1% a 20% ed hanno dato più peso ai falsi negativi che falsi positivi, sostenenti che, per PH, “mancare la diagnosi è peggiore dell'eseguendo i test diagnostici inutili„. Ciò rinforza la pertinenza clinica di aggiunta del RV/LV alle misure arteriose, dicono.

“Quando c'è sospetto di PH precapillary e un CTPA è fatto, raccomandiamo i radiologi per valutare non solo i diametri di grandi imbarcazioni, ma anche di entrambi i ventricoli„, concludiamo il gruppo.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.